Elena Santarelli

Elena Santarelli, quando l’affetto dei follower diventa morboso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Elena Santarelli, ormai più di un anno fa, ha confessato la malattia che ha colpito il figlioletto Giacomo. Da allora, la showgirl e il marito, il calciatore Corrado Bernardi, ricevono tanti messaggi di supporto da parte dei loro follower di Instagram. Non di rado, però, la donna è costretta a subire anche gli attacchi di alcuni di loro e alcune richieste irrispettose e ingiustificate. L’affetto della gente, però, può diventare davvero insano e morboso. La sua storia lo dimostra.

“Faccelo vedere anche se è pelato”

Durante le vacanze natalizie, Elena Santarelli aveva annunciato di volersi allontanare per un po’ dai social network per godersi la sua famiglia. Da qualche giorno, tuttavia, ha scelto di fare ritorno su Instagram e condividere alcuni scatti con i suoi follower, che – dopo aver saputo della malattia che ha colpito il piccolo Giacomo – le sono stati accanto con messaggi pieni di affetto. Purtroppo, però, stavolta le cose sono andate in maniera diversa: la mancanza di tatto e rispetto ha preso il sopravvento.

La Santarelli, infatti, ha postato una foto della sua secondogenita, Greta Lucia (clicca qui per vederla) e un utente le ha chiesto come mai non pubblichi mai un’immagine di suo figlio Giacomo. Elena ha prontamente risposto “Di certo il motivo mi sembra chiaro per cui non pubblichi… l’ho anche spiegato molte volte”. L’utente, però, non si è arreso e rincarato la dose: “Anche se pelato potrebbe mettere una foto sua”.

A questo punto, Elena ha risposto per le rime: “Devo conservare tante di quelle energie per me e per le persone che amo che perdere tempo con una così non serve a nulla… rimane così e la sua anima si è sporcata”. Immediato il supporto degli altri follower, che sono stati solidali con la Santarelli e hanno tacciato di maleducazione e insensibilità l’utente in questione.

La Santarelli contro i giornalisti

Elena, tuttavia, ne ha per tutti: attraverso le sue Instagram stories, infatti, fa sapere che è amareggiata per l’atteggiamento di alcuni giornalisti che hanno riportato uno scatto da lei pubblicato insieme al figlio Giacomo (foto, va detto, che risale a molti anni fa) e hanno scritto “Elena Santarelli mostra le foto del figlio malato”.

Immediato il commento della donna, che ha scritto “Non vi fate schifo sapendo di aver detto il falso soltanto per qualche click in più?”. Elena, inoltre, ha promesso che sabato – durante la nuova puntata di Italia Sì, la trasmissione condotta da Marco Liorni e in cui è presente da settembre – affronterà l’argomento, parlando del cattivo utilizzo dei social e di quanti danni possa fare.

La morbosità sul web

Insomma, non sono stati giorni semplici per Elena, che in questi mesi si è sempre dimostrata una donna dal temperamento forte. Tuttavia, la decisione di raccontare sul web il difficile momento che sta attraversando le si è ritorta spesso contro. Molte volte, infatti, è capitato che la morbosità degli utenti la ferisse, anche se lei non si è mai fatta abbattere dalle critiche sui social.

Purtroppo, spesso, si pensa di essere giustificati ad attaccare o offendere un personaggio pubblico per il solo fatto che si tratti di una celebrità. Dimentichiamo, però, che dietro lo schermo c’è una persona che conduce una vita normale, con dei problemi comuni e delle difficoltà quotidiane. Il lavoro che fa non può e non deve giustificare la maleducazione e la mancanza di rispetto. Impareremo, una volta per tutte, a comportarci sul web come ci comporteremmo nella vita di tutti i giorni? Perché dubito che qualcuno, incontrando la Santarelli per strada, le dica “Mostrami una foto di tuo figlio anche se è pelato”. E allora perché scriverglielo su Instagram?

Nella gallery che segue, alcuni scatti tratti dall’account Instagram di Elena Santarelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Nato a Zurigo nel 1991, di origini siciliane ma romano d'adozione, Basilio Petruzza è uno scrittore e blogger. Ha pubblicato tre romanzi e ha un blog. È laureato in Lettere, indirizzo Spettacolo, ed è appassionato di televisione e musica.