8 '  
Categorie Psicologia

Come riconquistare tuo marito e risollevare il vostro matrimonio

Era tutto il vostro mondo e ora se n’è andato. Di chiunque sia stata la colpa, sentite di averlo perso e non sai come farlo tornare da voi. Siete separati, divorziati o vi siete semplicemente allontanati e sembra che la distanza tra voi due sia impossibile da colmare. Volete sapere qual è il modo migliore per riconquistare un marito?

Inizieremo concentrandoci sui lati positivi. C’è da lavorare sodo, ma prima di tutto dovete acquisire la giusta mentalità, altrimenti non riuscirete mai a cambiare le cose.

I segnali che lui vi ama ancora (anche se non lo dimostra)

Quando le cose vanno male in una relazione, sembra che tutto il buono che c’è stato venga spazzato via da litigi, rabbia e tristezza. Ma se vi siete sposati il motivo c’era. Quel legame profondo che si è creato e quei sentimenti potenti non evaporano da un giorno all’altro. È ancora tutto lì. Se riuscite a concentrarvi sui buoni sentimenti invece che su quelli cattivi, potete nutrirli e farli crescere.

Ricordate che l’assenza di questi segni non significa che lui abbia smesso di amarvi. Ogni coppia è diversa.

Fa ancora certe piccole cose

Un segno che qualcosa lo prova ancora è che continua a fare certe piccole cose per voi. Quelle sue fastidiose abitudini che siete riuscite a fargli abbandonare, come lasciare i calzini sul pavimento o il tappo del dentifricio. Gli avete fatto capire che erano importanti così ha cercato di accontentarvi.

Spesso, col finire dell’amore, non c’è più la volontà di impegnarsi in questi piccoli gesti. Ma se lui mantiene ancora queste buone abitudini nonostante i vostri problemi, lo fa per amore, che ne sia consapevole o meno.

Ha bisogno di voi

Si affida ancora a voi per farsi aiutare. Se continua a chiedervi aiuto, consigli e sostegno anche se siete separati, significa che si fida ancora e ha bisogno ancora di voi nella sua vita. Queste sono le basi dell’amore. Spesso la separazione significa che ha intenzione di cercare di fare tutto da solo, quindi se viene ancora a chiedervi aiuto, è un ottimo segno.

Vi sta sempre intorno

Questo tipo di conflitti induce le persone a cercare la solitudine. Se continua a girarvi intorno, trovando scuse per vedervi o presentandosi senza preavviso, è perché vuole stare con voi. Questo è un segno sicuro che l’amore c’è ancora. Non importa se si comporta freddamente, la sua presenza parla da sé.

Si arrabbia

Sembra un controsenso ma amore e odio sono due facce della stessa medaglia. Se si arrabbia per delle piccolezze, litiga e vi mette il broncio, potrebbe voler dire che prova ancora qualcosa.

Il fatto di prendere male le cose significa che gli importa davvero; spesso per gli uomini è più facile combattere e arrabbiarsi, piuttosto che affrontare il fatto di essere ancora affezionati a una donna.

Piccoli scontri senza senso sono il suo modo di attirare l’attenzione e farvi parlare con lui senza dover perdere la faccia.

Ricostruire il matrimonio

Dovete ricostruire il matrimonio. Il fatto di essere separati in questo momento è in realtà un vantaggio. È una condizione molto più vantaggiosa di quando eravate ancora nello stesso posto a combattere in continuazione.

In tal modo avete la possibilità di rilassarvi e di ridefinire desideri e bisogni da soddisfare reciprocamente. Se riuscite a risolvere alcune delle tensioni che vi hanno portato a questo punto e ricominciare a frequentarlo, allora potete costruire nuovi modelli di comportamento, validi per entrambi anche come coppia.

Ma prima dobbiamo concentrarci sulla gestione del vostro tempo da separati.

Cominciamo da come considerate la faccenda: avete perso vostro marito e desiderate che ritorni?

Sbagliato.

È lui che ha perso voi!

Un semplice trucco semantico è la chiave per riconquistare vostro marito dopo che se n’è andato. Si tratta del vostro atteggiamento, del modo in cui affrontate la situazione. Non perdere tempo a pensare che avete perso e avete bisogno di “riprenderlo”. Capovolgete il concetto e guardatelo  al contrario – in realtà è lui che vi  ha perso, e ha bisogno di riconquistarvi..

In questo caso vi  consigliamo la lettura del libro Divorzio? No Grazie di Alessandro Vigini. All’interno del suo libro l’autore spiega in maniera precisa quali sono gli atteggiamenti che dovete cercare di avere per far sentire la vostra mancanza e far in modo che torni da voi il prima possibile.

Non vi stiamo dicendo di stare semplicemente sedute a casa con le tende tirate, di lasciar fuori il mondo intero, piangere e perdere la testa, finché un cambio di mentalità lo farà ritornare. Ci vorrà un sacco di lavoro per salvare il  matrimonio ed è possibile che finisca con un fallimento. Ma si può fare. E il cammino verso la riunione e la riconciliazione inizia cambiando l’approccio mentale.

La vostra rottura, che si tratti di una pausa di riflessione, di una separazione temporanea o di un divorzio completo, ha un grande potere. Un potere che volete ridurre il più possibile per concentrarvi su ciò che dovete fare per sanare la ferita.

Affrontare la separazione se desiderate riconquistare vostro marito

Stargli lontano è doloroso, avete costruito una vita insieme, che ora è distrutta e lui non c’è, non potete più fare affidamento su di lui.

Provate a considerare questa esperienza come un regalo. Approfittatene per liberare la mente e lasciare che le emozioni turbolente si calmino.  In questa prima fase è indispensabile non allontanarsi da lui ma cercare di capire il vero motivo della rottura.

È ora di fare una seria riflessione

Durante questo periodo di tranquillità, è necessario fare qualche seria riflessione.

Prima di tutto, dovete prendervi tutto il tempo che vi serve per capire se volete davvero che vostro marito torni. Non ha senso iniziare il difficile percorso di riconquista per poi scoprire che non è quello che desiderate realmente. Meglio capirlo prima.

All’inizio, vi sembrerà di essere talmente depresse e infelici e da essere disposte a tutto pur di riavere vostro marito.

Ma concedervi un periodo di tranquillità con un contatto limitato con lui vi darà la possibilità di placare l’uragano di rabbia e infelicità che avete dentro.

I vostri pensieri avranno la possibilità di manifestarsi più chiaramente. In questo momento, non è possibile avere un dialogo sincero con voi stesse perché vi trovate in una tempesta di tristezza.

Durante questo periodo di separazione emotiva e mentale, un buon modo per capire se lo volete ancora è meditare tranquillamente una volta al giorno, anche solo per cinque minuti.

Potete anche scrivere ogni giorno una lista su un pezzo di carta, una lista di cose positive e negative sul vostro matrimonio e su vostro marito. Se fate questo tipo di lista una volta al giorno, entro la fine di una o due settimane avrete un’idea più chiara su quello che desiderate davvero.

Se decidete, dopo tutto questo pensare, che lo volete ancora, allora ecco come procedere: mantenete l’attenzione solo su voi stesse.

Analizzate con attenzione

Pensate ai modi in cui avete contribuito alla rottura, o ai tratti caratteriali, come il cattivo carattere o la pigrizia, che hanno creato attrito nella vostra relazione.

Potreste voler lavorare in particolare sul cambiare alcuni tratti negativi di voi stesse, come ad esempio un brutto carattere. Partecipate a un corso di gestione della rabbia presso il centro ospedaliero locale o di comunità, per esempio.

Godersi di nuovo la vita

Ancora più importante è concentrarsi sull’apprendimento di cose nuove, sulle esperienze positive e sul piacere della vita. Dimenticatevi di vostro marito per un po’ e iscrivetevi a un corso – imparate una nuova lingua,  a dipingere o suonare uno strumento musicale, fate un corso di cucina francese, italiana o cinese, imparate ad andare in kayak o a vela.

Leggete alcuni libri interessanti, iscrivetevi a qualche gruppo di lettura. Iscrivetevi in palestra e, quando arrivate, non allenatevi da sole, nuotando in piscina o sollevando pesi all’infinito con gli auricolari ben fissati, in modo che non vi parli nessuno.

Invece, unitevi a un corso nella tua palestra, ciclismo indoor o hip hop dance o pugilato o esercizio di gruppo cardio, insomma, qualcosa dove si possano incontrare altre persone e soffrire insieme.

L’interazione sociale è fondamentale in questo momento, è necessario incontrare e trascorrere del tempo con altri esseri umani. In un corso di lingua o in un gruppo di lettura, incontrerete e interagirete con altre persone, cosa che vi ricorderà che siete capaci di essere felici, di divertirvi e di godervi la vita anche senza vostro marito.

Non siate vittime

Dopo un po’ di tempo, dopo essere uscite e aver meditato, dopo aver conosciuto nuove persone e aver vissuto la vostra vita, sarete diventate molto più interessanti e attraenti. Non starate sedute a piangere che la vostra unica possibilità di essere felice sia legata al ritorno di vostro marito.

Non rimanete a crogiolarvi nel vittimismo, che non è una cosa molto attraente. Farete invece nuove esperienze di cui parlare e ridere e conoscerete nuovi e interessanti amici.

Ricostruirvi in questo modo non solo vi insegnerà che potete cambiare la tua vostra vita e trovare la felicità con o senza un marito, ma vi darà anche migliori possibilità di riconquistarlo. Quando voi due comincerete ad incontrarvi e a comunicare di nuovo, lui non vi vedrà come una che si nasconde dal mondo e piange. Vedrà invece una donna vivace, socievole e intellettuale. È questa la chiave per attirarlo e riconquistarlo.

Lasciatelo andare e concentratevi su voi stesse. Anche se non dovesse tornare, grazie al lavoro fatto su voi stesse avrete maggiori probabilità di incontrare un nuovo e interessante partner.