Francesco Sarcina e Riccardo Scamarcio

Riccardo Scamarcio: «Clizia ha inventato il tradimento», ma lei non ci sta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’intricata vicenda che coinvolge Francesco Sarcina, Clizia Incorvaia e Riccardo Scamarcio non accenna a risolversi. Scamarcio ha rivelato che il tradimento sarebbe un’invenzione di Clizia, ma la donna ha deciso di non starsene in silenzio. Ecco le sue parole.

Chi è che mente?

Tutto è iniziato quando Francesco Sarcina ha rivelato che la (ex) moglie l’ha tradito con il suo migliore amico, nonché testimone di nozze, ovvero Riccardo Scamarcio. La donna, in tutta risposta, ha detto che ciò che ha fatto con l’attore è affar suo, in quanto avvenuto a matrimonio già concluso. A sua volta, Scamarcio ha fatto sapere che il tradimento non c’è mai stato, in quanto si tratterebbe di una invenzione della Incorvaia. Chi è che mente? Ecco le parole di Riccardo:

È stata Clizia a creare tutto questo questo casino, rivelando una passione che non si è mai consumata. Era ossessionata dal mio rapporto con il marito. È una storia che non sta né in cielo né in terra

Di fronte alle parole dell’attore, Clizia ha deciso di non restarsene in silenzio. Ecco cosa ha detto al Corriere della sera:

Riccardo Scamarcio dice che mi sono inventata tutto e che fra noi non c’è mai stato niente? Mi fa sorridere questa solidarietà maschile. E mi spiace che, mentre il mio ex marito Francesco Sarcina mi voglia far passare per la protagonista della Lettera Scarlatta, il signor Scamarcio mi voglia far passare per bugiarda. Io ero separata. Era dicembre e Francesco si stava facendo la sua vita. Ho incontrato Riccardo a casa sua, in amicizia, e c’è stato un bacio, di cui ci siamo pentiti subito dopo. Non siamo stati a letto insieme, ci siamo subito ritratti. Nessuno ha ossessionato l’altro, nessuno voleva stare con l’altro. È successo in un momento forse di fragilità, ci siamo riavuti subito, per me non ha contato nulla e per lui nemmeno. Io non volevo stare con un uomo machista, lui non sopporta di essere stato lasciato e l’amico gli dà manforte. È la solita, brutta, storia di gettare melma su una donna che non deve aver diritto di essere felice

Dove sta la verità? Non si sa. Al momento, però, sembra essere ancora molto lontana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di capelli. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di bellezza.