Milly Carlucci

Il Cantante Mascherato: alcune curiosità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Milly Carlucci è prontissima per iniziare questa stagione de Il Cantante Mascherato! La conduttrice non sta più nella pelle e sta rilasciando piano piano piccole dichiarazioni che hanno fatto salire la curiosità dei fan alle stelle. Fra le tante domande che ci si pone, soprattutto queste: chi è Barbocino? Chi è Leone? Chi è Pavone? Chi è Coniglio? Chi è Unicorno? Chi è Mostro? Chi è Mastino? Chi è Angelo? Da venerdì 10 gennaio, su Rai Uno. Vediamo di più.

L’intervista di Milly Carlucci

 

Telesette ha intervistato Milly Carlucci svelando alcune curiosità su Il Cantante Mascherato; sembrerebbe che molti dei vip scelti per partecipare abbiano detto subito di sì, i pochi che hanno dovuto rinunciare lo hanno fatto solo per questioni lavorative. Il cast è famosissimo, ma non ci è dato sapere chi ne farà parte. La conduttrice ha detto che le 8 maschere vantano 46 partecipazioni a Sanremo, 5 vittorie dello stesso, 250 milioni di dischi, 70 programmi condotti e 25 film interpretati; nonché concerti in 30 Paesi diversi, innumerevoli ore di televisione e 88 album pubblicati. Insomma, con questi numeri le aspettative non possono che essere altissime! Ecco cosa ha detto Milly:

Prima delle esibizioni, una clip introduce il personaggio con voce alterata e fornisce degli indizi sulla vera identità. Tutti famosissimi, altrimenti il pubblico non potrebbe indovinare. Terminate le sfide, si va per una eliminazione a puntata, decisa tra giuria, social online e televoto: chi esce dal gioco perde la maschera e in finale ne rimangono 5. Se dietro la maschera c’è un cantante famoso, ovviamente canterà un genere diverso dal suo repertorio. Per il resto nei costumi potrebbero esserci presentatori, giornalisti, attori, sportivi: oltre a saper cantare devono celare delle peculiarità, come il tipo di pronuncia.

Gli indizi

 

Milly Carlucci ha poi svelato qualche piccolo indizio sui concorrenti:

Il barboncino? È proprio preziosissimo, ma non fidiamoci del fatto che sia solamente vezzoso perché in realtà ha grinta da vendere. Il pavone? Bisogna vedere se è anche un pavone nella vita oppure vorrebbe tanto diventarlo. Il mastino l’abbiamo inventato per l’Italia: napoletano, pizzaiolo, simpatico. L’unicorno appare, scompare e si rivela solo a chi merita di vederlo. L’angelo? Elegante ed enigmatico, con tanti segreti da svelare, seguitelo con attenzione. Il leone è abituato a tenere la scena, come un vero re. Il mostro? Buffo, perfetto per i bambini ma non fermatevi alle apparenze. E il coniglio? In scena le signore hanno detto: “Accidenti, che figo” ma come fa ad essere figo un coniglio?”.

Non ci resta che attendere ancora pochissimo e finalmente ne sapremo di più!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv