Cantanti italiane

Sanremo 2020, anche quest’anno poche donne in gara: ma perché?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sanremo è maschilista? Il dubbio sorge spontaneo, visto che – anche quest’anno – nel cast ci sono poche donne. Sette su ventiquattro, per la precisione. Per non parlare dei direttori artistici: in sessantanove edizioni, sempre e solo uomini. Ma perché?

Poche donne in gara

 

Partiamo dalla settantesima edizione del Festival, che andrà in onda su Raiuno a partire da martedì 4 febbraio. Le donne in gara sono solo sette: Levante, Elettra Lamborghini, Elodie, Tosca, Rita Pavone, Irene Grandi, Giordana Angi. Gli uomini, invece, ben diciassette (senza considerare i gruppi formati da più componenti, tutti uomini, ça va sans dire).

Perché? Il motivo è del tutto ignoto. Eppure le donne, al Festival, hanno sempre portato eleganza, stile, contemporaneità, facendosi portavoce di nuove tendenze in fatto di moda. Tante le personalità che hanno lasciato il segno sul palco dell’Ariston; altrettanti i brani scritti e interpretati da donne che hanno fatto la storia della canzone italiana. Eppure, a quanto pare, vige un vero e proprio pregiudizio, perché non può essere un caso che il cast di Sanremo sia sempre costituito prevalentemente da uomini.

Quote rosa a Sanremo?

 

Ci sembra eccessivo parlare di quote rosa al Festival, non serve certamente stabilire preventivamente un numero di posti da riservare alle donne per garantire la rappresentatività femminile a Sanremo. Tuttavia, quello che ci piacerebbe è che le donne venissero trattate alla pari degli uomini, così da poter ricoprire anche incarichi di prestigio, come ad esempio scegliere gli artisti in gara o condurre la kermesse in solitaria (cosa che è successa molto di rado).

Per quanto riguarda le cantanti in gara, sappiamo che le donne, a Sanremo, sono sempre e da sempre sinonimo di qualità, fascino, sorpresa. Dunque questo è un appello: vogliamo più artiste sul palco dell’Ariston! Più donne al Festival di Sanremo!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di capelli. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di bellezza.