2 '  
Categorie Gossip

Achille Lauro nel libro di Carmelo Abbate: «Il cantante spaccia e ruba motorini»

Achille Lauro è ormai sulla cresta dell’onda grazie alla sua personalità eccentrica; il cantante ha collezionato critiche da parte di molti, ma anche tanti 10 e lode. Lauro non ha vinto Il Festival di Sanremo, ma è certamente uno dei personaggi più discussi e più apprezzati – quantomeno per l’audacia – di questa edizione del programma.

Nel nuovo libro di Carmelo Abbate, Storie degli Altri, c’è un lungo capitolo proprio sul cantante romano. Le parole dello scrittore sono forti come un pugno allo stomaco e raccontano di un giovanissimo Lauro e del suo passato burrascoso nella periferia di Roma. Storie di motorini rubati, droga, pistole e amicizie sbagliate.

Carmelo Abbate parla di Achille Lauro

Uno spaccato di quello che è poi il capitolo delle Storie degli Altri lo ha postato direttamente Abbate sul suo profilo Instagram e recita così:

Lui è Lauro. Nasce a Roma nel 1990. È un bambino brillante, eccentrico. Cresce in una normale famiglia borghese. Frequenta le elementari. Sembra un giorno come un altro. I genitori hanno una comunicazione importante da fare. Basta cene fuori, vestiti o telefonino, siamo pieni di debiti. Lauro conosce il significato della parola rinuncia. Esce con gli amici, finge di aver già mangiato, si vergogna a dire che non ha soldi. Paura, ansia, rabbia lo divorano. Ha 12 anni. Vuole tutto quello che non ha. Spaccia, ruba motorini, li rivende. Entra in un supermercato con gli amici e la fidanzata. Ha una pistola. Dammi i soldi, cazzo, in fretta. Eccoli, li stringe tra le mani. È eccitato. Ha 14 anni. I genitori cambiano città. Lauro resta a Roma con il fratello più grande. Sono soli. Non sono capaci di prepararsi nemmeno un piatto di pasta. Sono allo sbando. Il fratello fa il deejay per un gruppo rap della zona. Lauro ascolta la loro musica, assorbe le rime, la solitudine degli emarginati. Frequenta feste, rave, si sballa, si perde.

Il post originale