Diodato

Diodato lo ammette: “Quello che mi manca di te” è dedicata a Levante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Diodato è il vincitore del Festival di Sanremo 2020; già dalla prima edizione i fan hanno pensato che la sua canzone “Fa Rumore” fosse dedicata alla sua ex fidanzata e collega, Levante. E ad alimentare questa teoria c’è stato l’intervento di Diodato stesso a Domenica In, ritrattato poi subito dopo. Oggi però il cantante lo ammette: “Fa Rumore” non è per Levante, ma “Quello che mi manca di te” sì.

Diodato parla delle sue canzoni

 

Così il cantante lo ammette:

No, Fa Rumore non è scritta per Levante. Nel nuovo album c’è un altro pezzo legato a quell’esperienza e si intitola Quello Che Mi Manca Di Te. Nel pezzo presentato al Festival ho raccontato me stesso, pescando nella mia intimità, nel mio vissuto.

Ieri notte è uscito il nuovo album di Diodato, dal titolo Che Vita Meravigliosa e contiene proprio il brano per Levante. Il testo è davvero bello e profondo e se ci siamo sciolti noi, immaginiamo la reazione della diretta interessata.

Quello che mi manca di te – il testo

 

Quello che mi manca di te
è quella voce che fai
quando giochi a fare la bambina
quando la mattina tiri su le gambe bellissime che hai
e te ne vai in giro per casa a fare qualcosa
che è sempre pochissimo il tempo che hai
per viverti noi le cose che hai accumulato negli anni
tra i tuoi mille impegni
le lunghe rincorse, i salti nel vuoto, i tuoi viaggi stellari
coi tuoi vecchi amori, gli eterni dolori a cui tu resti sempre forse giustamente
riconoscente

Quello che mi manca di te
è tutto quello che fai
quando non sai che ti guardo
ed io ti guardo più che posso
oppure quando vuoi vedere un bel film
ma è soltanto una scusa per dormirmi addosso
e quello che sento adesso è così forte che non riesco
a tenerlo chiuso qui dentro
vorrei urlarlo più forte che posso
più forte che posso anche se

Quello che manca davvero di te
non te lo so spiegare
ma spero sia la stessa cosa che manca anche a te
di me

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv