Giuliana De Sio

© Andrea Bracaglia

Coronavirus, Giuliana De Sio: «È stato un incubo, avevo attacchi di panico»

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le ultime settimane non sono state facili per l’attrice Giuliana De Sio: colpita dal Coronavirus, è stata costretta a vivere un periodo di isolamento, durante il quale, oltre ai problemi legati al virus, sono sopraggiunti anche problemi psicologici. Ecco il suo racconto all’indomani della malattia.

Giuliana De Sio ha sconfitto il Coronavirus

Ha vinto la sua battaglia, ma non è stata una passeggiata: Giuliana De Sio ha passato momenti di grande dolore fisico e sconforto. Intervistata da Lorella Cuccarini e Alberto Matano a La vita in diretta, l’attrice ha parlato del suo calvario:

Mi sono svegliata in un incubo, l’isolamento è stata esperienza più brutta della mia vita, è la cosa peggiore. Sei sola, non puoi fare niente, guardi il soffitto. Ho acceso la tv una volta, si parlava solo di Coronavirus, mi è venuta un’angoscia e ho dovuto spegnere. E poi, lotti contro attacchi di panico. Potevo solo lottare contro questi attacchi di panico, perché non parlavo con nessuno: il protocollo del Coronavirus è durissimo, e loro giustamente lo devono rispettare. Nessuno può venire a parlarti, il cibo te lo lasciano nell’interstizio fra una porta e l’altra, che immagino fosse chiusa a chiave. Io peraltro soffro anche di claustrofobia quindi il pensiero di essere chiusa era per me insopportabile.

Giuliana, inoltre, ha voluto lanciare un appello al governo per tutelare i lavoratori dello spettacolo, messi a dura prova dall’emergenza Coronavirus:

La nostra categoria, a parte i fortunati che sono ricchi e privilegiati, è fatta soprattutto di persone che già in tempi normali faticano a trovare lavoro. Spesso stanno fermi anche un anno, un anno e mezzo per trovare una particina. È una vita molto dura, anche per chi ha successo. Spero che le persone che decidono del nostro futuro dedichino dell’attenzione anche a noi. Perché nella fase 2,3,4,5 saremo quelli che solleveranno il morale agli italiani depressi.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di capelli. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di bellezza.