Ivana Spagna

Coronavirus, Ivana Spagna disperata: «Ho attacchi di panico, prendo pastiglie per dormire»

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Purtroppo, oltre alle tante, troppe persone che hanno perso e continuano a perdere la vita a causa del Coronavirus, molte sono quelle che devono far fronte a momenti di sconforto e sbalzi d’umore repentini. Tra questi c’è la cantante Ivana Spagna che, a Storie Italiane, si è lasciata andare a una confessione. Ecco cosa ha detto a Eleonora Daniele.

Il dolore di Ivana Spagna

Il Coronavirus sta facendo soffrire tutti, sia coloro che stanno combattendo in prima persona contro questo virus, sia coloro che, chiusi nelle proprie case, stanno facendo i conti con la solitudine. Tra loro c’è Ivana Spagna. Tanto vulcanica, energica e travolgente sul palco, quanto fragile nell’intimità: la splendida cantante, oggi sessantacinquenne, sta vivendo giornate difficili. Ecco cosa ha rivelato in tv:

Sono a casa come tutti e non è una cosa semplice, penso che non sia semplice nemmeno per chi ha famiglia essere costretti sempre lì, ma è brutto anche quando non hai la famiglia. Ho attacchi di panico continui per via di questa situazione. Mi manca il respiro, mi prende la tachicardia, a volte mi faccio dei bei pianti perché in queste situazioni senti di più la solitudine. Ti dà il tempo di pensare e quando si pensa troppo si vanno a pescare sempre le cose meno piacevoli. Succede di giorno perché di notte prendo delle pastiglie per dormire in modo da stare tranquilla durante il sonno.

Nonostante la sofferenza, Ivana non si dà per vinta e lotta con tutta se stessa:

Sistemo gli armadi e sto cucendo le mie giacche in attesa di tornare sul palco.

Noi, in attesa di rivederla sul palcoscenico, le auguriamo di trovare la forza per reagire e superare questo difficile momento. Forza, Ivana!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Editoria e Giornalismo, ha cercato di unire le sue passioni al lavoro, che l'hanno portata ad occuparsi di raccontare storie che vi faranno appassionare. Curiosa ed eclettica, non può vivere senza il suo lago.