Ultimo è il primo degli immaturi: invita i fan a fare ciò che vogliono

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che vergogna, Ultimo! Il cantante romano, in preda all'ira per la situazione legata al Coronavirus, ha i fan a fare ciò che vogliono.

Che Ultimo sia un ragazzo istintivo e poco diplomatico, l’abbiamo scoperto durante il Festival di Sanremo 2019, quando si è scagliato contro i giornalisti in sala stampa, con dei modi non certamente eleganti. Recentemente, però, quello che ha fatto è ben più grave: in un post apparso sui social, ha invitato i suoi fan a fare ciò che ritengono giusto. In un momento delicato come questo, per via dell’emergenza Coronavirus, invitare un pubblico di adolescenti e giovanissimi a fare ciò che ritengono giusto, non è certamente la cosa più saggia.

Ultimo e l’invito bizzarro ai fan

Ogni artista, com’è ovvio che sia, sceglie di comportarsi come meglio crede: c’è chi, durante la lunga quarantena, ha fatto dei live su Instagram, chi si è apparso in tv attraverso dei collegamenti Skype, chi – come lui – ha preferito il silenzio. Su questo, nulla da eccepire. Il punto è che, in preda all’ira per il tour saltato (erano previsti, infatti, dei concerti negli stadi di tutta Italia), Ultimo ha dato prova di immaturità. Ecco cosa ha scritto sui social:

Oggi avremmo dovuto iniziare le prove per i 15 stadi. Questa situazione ha spazzato via ogni nostra ambizione. Sono stato un anno a prepararmi fisicamente, mentalmente e vocalmente. Ora?
Ora si parla di distanziamento sociale e numeri contingentati. Argomenti così crudi.
Ricevo molti messaggi sul fatto che io non mi esponga sulla faccenda, in effetti avete ragione.
Io non so fare quello che vi supplica di indossare la mascherina o di stare attenti ai contatti fisici. Per quello ci sono già troppi a farlo in tv ed io non ho le carte in regola per poter risultare credibile dicendolo.
Il tour sarà rinviato, probabilmente al 2021, ma il motivo di un ritardo della comunicazione non dipende né da me, né dalla mia agenzia dei concerti. Dipende dal governo che forse non dà il giusto peso ed importanza alla musica e all’arte in generale.
Poi però ci chiedono di cantare su instagram o in qualche trasmissione per alleviare il dolore alla gente, ma noi siamo la gente, almeno io mi colloco tra voi, tra noi.
Non canterò in qualche diretta o in qualche trasmissione per dimostrare quanto sia bella la musica che unisce le anime nostre. No.
È una scelta menefreghista? No. Il contrario.
Io credo nel silenzio di chi sa aspettare.
Non ho bisogno di ricordarvi che esisto con qualche video o foto postata.
Io sono a casa mia e scrivo, perché è quello che so fare… e scriverò finché le parole si faranno pescare dentro me.
L’unica cosa che mi sento di dirvi da ragazzo di 24 anni è quello di fare ciò che voi ritenete giusto. Non so quando supereremo questa fase.
So che questo è il momento per chiudersi un po’ dentro di noi e chiederci quelle cose che forse fanno male, ma ci faranno crescere… qualsiasi età abbiamo.
A 15 anni ho scritto in Giusy, che dal dolore si può ricominciare… e allora mi affido a lui e penso: RICOMINCEREMO.

Se Ultimo non vuole invitare i suoi fan a indossare la mascherina o a mantenere una certa distanza, è libero di non farlo. Tuttavia, invitare il suo pubblico a fare ciò che ritiene giusto, considerando che si tratta prettamente di giovani e giovanissimi, non è certamente la mossa più giusta. E il web, ovviamente, è in rivolta.

View this post on Instagram

Pensieri

A post shared by Ultimo (@ultimopeterpan) on

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
DonnaPOP è un magazine al femminile, per scoprire tutte le news che riguardano il mondo del gossip, della televisione e dello spettacolo.