Alessandro Borghese shock: «Lo Stato sta demolendo la ristorazione»

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alessandro Borghese ha espresso il suo dissenso in merito alle normative governative attuate a causa dell'emergenza sanitaria.

Tempo di crisi per tutti, persino per lo Chef Alessandro Borghese. L’amato cuoco di 4 Ristoranti ha espresso il suo dissenso in merito alle nuove regole emanate dal Governo a causa dell’emergenza sanitaria. Sappiamo che per ripartire ci vorrà tempo e le attività più colpite rimangono bar, ristoranti e locali. Borghese, infatti, non l’ha presa affatto bene. Ecco cosa ha raccontato al Corriere della Sera.

Alessandro Borghese contro lo Stato

È stata un’intervista a cuore aperto, quella di Borghese. Lo Chef ha espresso massimo scontento nei confronti delle normative governative:

Lo Stato sta radendo al suolo la ristorazione italiana con la sua assenza. Non solo manca sostegno economico a un settore che è il fiore all’occhiello del Paese, ma anche le regole per iniziare a progettare la ripartenza non ci sono. Da quando è iniziato il lockdown ho perso quasi metà degli introiti. Sono venute meno cene private, ben 16 matrimoni, per non parlare degli eventi legati al Salone del Mobile. Ora siamo fermi. È tutto chiuso. E sto anticipando l’assegno della cassa integrazione ai miei 64 collaboratori: non potevo permettere attendessero mesi prima dell’arrivo dei fondi a causa della burocrazia. Ma così non si può resistere a lungo. Un altro mese, al massimo. Se le cose non si smuovono dovrò decidere cosa fare con il personale, le spese d’affitto e le bollette. Ma è un’evenienza in cui spero di non dovermi trovare.

Il figlio di Barbara Bouchet ci ha tenuto a specificare che le sue preoccupazioni derivano soprattutto dall’angoscia di immaginare chi vive solo di ristorazione:

Non è per la mia situazione. Ho le spalle larghe e saprò affrontare qualsiasi scenario. Così come tanti miei colleghi per cui il ristorante è solo una parte dei guadagni, accanto ad altre attività. Ma penso a quelli che vivono degli incassi di bistrot, trattorie e osterie, soprattutto in provincia. Sono molto preoccupato per loro… alcuni hanno già chiuso, tanti altri lo stanno per fare.

A questo proposito Borghese suggerisce:

Le istituzioni dovrebbero avviare un tavolo nazionale con i rappresentati dei ristoratori per ragionare su problemi e soluzioni. Un po’ come ha fatto la Regione Campania chiedendo la consulenza di Gennaro Esposito. E, poi, servirebbero finanziamenti a fondo perduto, anche perché ci vorrà tempo prima che i ristoranti tornino a riempirsi. Manca poco alla riapertura e non ci sono ancora le regole d’ingaggio, anche solo per capire quanto costerà far ripartire le attività. Qualche esempio? Sanificare un locale da 300 metri quadrati costa tra i mille e i 3 mila euro. Ogni quanto sarà necessario farlo? E, poi, come dovranno essere allestiti i locali? Non saperlo rende impossibile pianificare e non si potrà improvvisare, ne va della salute dei clienti e dei lavoratori.

Alessandro Borghese ha ragione su tutto, speriamo che in questi pochi giorni si riesca a fare il punto della situazione e, soprattutto, che le saracinesche torneranno ad alzarsi il più possibile.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv