shhh

Foto: pinterest.com

6 segreti che non dovremmo confidare a nessuno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La riservatezza dovrebbe essere prerogativa di tutti. Ultimamente, con l’avvento dei social, abbiamo l’istinto di voler condividere tutto, ma proprio tutto, con amici, parenti e addirittura sconosciuti. Ci sono alcune cose, però, che non dovremmo mai dire a nessuno: ecco quali sono.

Leggi anche: Perché siamo attratte dagli uomini che suonano la chitarra? La risposta

6 cose che non dovremmo rivelare a nessuno

I propri progetti

Condividere con altri, soprattutto se poco fidati, i nostri progetti futuri ci espone al rischio di essere giudicati e inondati da negatività. Impariamo a parlarne solo con chi sappiamo avere tatto e voglia di ascoltarci.

Le proprie doti

Come si dice, chi si loda si sbroda. Lasciamo che siano i fatti e le nostre azioni a parlare per noi, dalle qualità fisiche a quelle intellettive. Il segreto è risplendere anche al buio.

I nostri piccoli acciacchi

Ogni età ha i suoi acciacchi: quando accusiamo un dolore o siamo preoccupati per qualcosa che riguarda la nostra salute, parliamone con il nostro medico solamente. Non tutti hanno bisogno di conoscere cosa ci affligge.

I pettegolezzi

Tutti siamo soliti spettegolare, alle volte accade con una certa malizia, altre involontariamente. Ma lasciarsi andare a futili pettegolezzi – soprattutto se comprendono terze persone non presenti – è davvero scadente. Impariamo a giudicare prima noi stessi, gestendo la nostra frustrazione e la nostra invidia.

L’intimità

I nostri segreti più intimi, piccoli o grandi che siano, andrebbero preservati. L’avviso è quello di imparare a non sciorinare sui social ogni dettaglio della nostra vita passata, presente o futura.

La generosità

Esattamente come le nostre doti, anche la generosità non deve essere ostentata: impariamo a compiere gesti teneri e gentili senza mettere in imbarazzo chi li ha ricevuti e senza affiggere cartelloni per rendere tutti partecipi.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv