ansia

Foto: © Tero Vesalainen / Shutterstock

Di cosa abbiamo veramente paura? La verità sulle nostre ansie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Capita spesso nella vita di avere paura: nelle nostre fasi ci scontriamo con questo sentimento in modo differente a seconda delle età. Se da piccoli temiamo i mostri sotto al letto, da grandi abbiamo paura di fallire, di sentirci respinti e di metterci in gioco. Ma qual è la verità sulla nostra ansia? Abbiamo davvero paura o semplicemente ci concentriamo sulle cose sbagliate?

Leggi anche: 10 cose da non fare dopo un litigio con il proprio partner

Le nostre paure

Spesso l’oggetto delle nostre paure cela in realtà qualcosa di diverso o inaspettato. Il timore di qualcosa è dato dall’ignoto, quindi. Ecco alcuni esempi:

Paura del buio

Il buio o gli ambienti privi quasi totalmente di luce ci fanno salire l’ansia e erroneamente diciamo di aver paura del buio stesso, ma non è vero! A spaventarci è quello che potrebbe celarsi laddove non riusciamo a vedere. Fai un respiro profondo e accendi una luce, anche mentale. Le cose andranno meglio.

Paura dell’altezza

Quante volte mentre ci troviamo sulla torre di un monumento importante o su un ponte che offre un panorama mozzafiato, ci sentiamo a disagio? Ci viene da dire di aver paura dell’altezza, ma non è così! L’altezza ci fa sentire piccoli e fragili e la cosa di cui abbiamo realmente paura è di cadere.

Paura delle persone

A volte, dopo qualche momento buio o di forte stress emotivo, siamo portati a chiuderci in noi stessi. Non vogliamo uscire e meno che mai abbiamo voglia di conoscere gente nuova. Qui la nostra paura non dipende dalle persone esterne alla nostra cerchia ristretta di amici e familiari, bensì dal rifiuto di non piacere a chi non ci conosce. Questo è certamente possibile, ma non è universale: esci, conosci persone nuove e scoprirai che a qualcuna piacerai sicuramente!

Paura dell’amore

Dopo tante delusioni amorose siamo spesso portati a credere di non esser in grado amare e abbiamo paura di coinvolgerci troppo all’interno di un rapporto. Il timore, però, non è quello dell’amore in senso stretto, ma bensì di non essere amati di rimando. La paura che una relazione possa finire fa sì che ci troviamo a non iniziarla nemmeno e questo è un grosso errore. Basta perdere occasioni!

Paura di andare avanti

Spesso il pensiero di andare avanti ci attanaglia molto più di quello del rimanere fermi o di fare passi indietro. Perché? Perché andando avanti staremmo implicitamente accettando – e quindi superando – quello che è già successo. Ma se questo è vero ed effettivamente l’oggetto del nostro dolore fa parte del passato, perché abbiamo paura di lasciarlo andare? Non c’è motivo. Guarda avanti e pensa a ricostruire la tua vita!

Paura di provarci ancora

Anche qui, come quando si ha paura di innamorarsi, il motivo risiede nelle nostre delusioni e nella tristezza provata dopo esse. Buttatevi, fate quello che sentite di fare e non abbiate paura di soffrire ancora per le stesse cose. La ruota gira e arriverà anche il vostro turno!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv