Belen: arrestato il truffatore che si fingeva suo amico per avere trattamenti speciali

Belen Rodriguez coinvolta in una truffa? Un uomo croato si fingeva suo amico per ricevere trattamenti speciali.

Spiacevole incidente per Belen Rodriguez, ma per fortuna finito nel migliore dei modi. La showgirl argentina è finita a sua insaputa nel bel mezzo di una truffa: un uomo di trent’anni si fingeva suo amico per trattamenti speciali, nello specifico avrebbe affittato una camera in un albergo extra lusso di Capri, noleggiando – inoltre – uno yacht da sceicco senza spendere un soldo!

Leggi anche: Stefano De Martino, dopo Belen, beccato con un’altra (FOTO)

La truffa

L’uomo ha alloggiato all’Hotel Scalinatella senza farsi mancare nulla, ma proprio nulla, tanto che l’ammontare del conto finale era di ben 10mila euro! Per non parlare delle gite in barca che hanno raggiunto il valore di 4.500 euro. Ha avuto tutto inizio il 22 agosto quando il giovane croato è arrivato da Napoli a Capri esibendo la sua carta d’identità falsificata insieme a delle ricevute (ovviamente false) di bonifici mai effettuati. A trasportare il truffatore dalla città partenopea all’isola è stata la compagnia di barche della società Danilo che all’arrivo pensava di trovare i soldi del passaggio sul proprio conto l’indomani. Soldi che non sono mai arrivati.

Gli sviluppi

Fino al 30 agosto il truffatore ha deliberatamente fatto i suoi comodi senza spendere un solo euro; il giovane croato – inoltre – sosteneva di essere un caro amico di Belen Rodriguez che, avvistata a Capri dallo stesso Danilo, si è vista chiedere più volte dove fosse il noto imprenditore che prometteva pagamenti senza mai tirare fuori i soldi. Qui la doccia fredda: la showgirl ha risposto in maniera sorpresa, ma lapidaria.

Mai sentito.

Ecco la risposta di Belen alle domande della società di barche. Sono bastate queste due semplici parole a far scattare i carabinieri di Capri che in pochissimo tempo hanno raggiunto il truffatore ponendolo agli arresti per truffa e false attestazioni sulla propria identità. Processato per direttissima ora dovrà scontare una condanna di 8 mesi, ma di lui si sono ormai perse le tracce.

Parla l’avvocato di Belen

L’avvocato della showgirl ha spiegato i fatti in un breve comunicato:

Premetto subito che la mia assistita non ha mai conosciuto il soggetto in questione. Per quanto la lusinga il fatto che il suo nome possa essere speso come una “carta di credito”, dopo aver letto il fatto di cronaca le è venuto in mente il detto “il diavolo è nei dettagli”, ed ha pensato che, probabilmente, agendo con la dovuta avvedutezza, sarebbe stato facile smascherare il truffatore e forse senza neanche essere un provetto investigatore.

Questa storia è finita qui o sentiremo ancora parlare di questo misterioso truffatore?