Prosciutto San Daniele

Cesti di Natale food, un mito senza tempo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando arriva il momento di fare i regali di Natale siamo assaliti da una sensazione quasi di “smarrimento”. Il dubbio amletico, che sempre ci accompagna nella scelta del dono, riguarda i gusti della persona che vorremmo stupire sia prima che dopo aver scartato il pacchetto. Fortunatamente c’è un regalo che da sempre riesce in questa ardua impresa- specie se i doni da fare sono tanti – e si tratta per la precisione del cesto natalizio. Fare un regalo gourmet rappresenta peraltro una tendenza sempre più diffusa quando arriva il Natale.

Questa tipologia di presente “gustoso” è in grado di mettere d’accordo tutti, specialmente se si tratta di proposte enogastronomiche Made in Italy: l’importante è scegliere con attenzione e cura i prodotti da inserire, e soprattutto con un pizzico di originalità per conferire un tocco in più al regalo.

Un dono che racconta le tipicità di un territorio

Narrare le tipicità del territorio attraverso gli assaggi di alcuni selezionatissimi prodotti è sempre una buona, anzi buonissima, idea. I cesti di Natale sono oggetti il cui packaging, proprio per questo crescente apprezzamento, è ormai ricercatissimo: l’obiettivo è quello di riuscire a stuzzicare, oltre che il palato, gli occhi. D’altra parte, lo sappiamo bene, i doni gourmet faranno bella mostra di sé non soltanto sotto l’albero addobbato, ma anche sulla tavola natalizia.

Cosa inserire nel nostro cesto? Le specialità regionali sono l’ideale per far condividere con i nostri amici i profumi e i sapori della nostra terra d’origine. In un momento delicato come quello attuale, acquistare alimenti a marchio italiano significa scegliere qualità e ricercatezza, ma soprattutto sostenere le molte realtà artigianali che creano con grande cura i migliori prodotti food della tradizione.

La composizione è nel nome dei prodotti Made in Italy

Come raccontato in precedenza, nella composizione dei cesti di Natale non mancano mai i cibi caratteristici del Made in Italy, quelli che per loro essenza vengono identificati non soltanto con il territorio d’appartenenza, ma con il Belpaese stesso. Stiamo parlando per esempio del Prosciutto di San Daniele, uno degli alimenti cardine del settore agroalimentare italiano apprezzato in tutto il mondo.

La sua origine è antichissima, è un prodotto che si lega fin dal periodo tra XI e VIII secolo a.C. alla zona di San Daniele del Friuli, un caratteristico borgo situato a 252 metri sul livello del mare. Qui, nell’area del cosiddetto “anfiteatro morenico” avviene l’incontro tra la brezza frizzante adriatica e i venti freddi delle Alpi Carniche, mentre il fiume Tagliamento osserva silenzioso e si pone quale elemento termoregolatore naturale.

Per realizzare un ottimo Prosciutto sono necessarie le migliori materie prime: il San Daniele DOP viene prodotto con soli tre ingredienti tra cui troviamo il sale marino, le cosce di suino italiane selezionatissime e ovviamente il microclima peculiare dell’area di San Daniele del Friuli che permette la stagionatura del famoso San Daniele DOP.

Un assaggio di Prosciutto di San Daniele è in grado di raccontare una storia di eccellenza e tradizione, quella che i mastri prosciuttai tramandano da generazioni e che – al netto della tecnologia che ha fatto ingresso nel processo produttivo per ottimizzare l’organizzazione del lavoro – è legata a gesti e saperi che si ripetono ancora come un tempo.

Il regalo per chi ama sperimentare in cucina

Oggi si regalano per Natale questi cesti pieni di cibi per stupire amici, parenti ma anche per ringraziare i colleghi di lavoro dell’anno trascorso insieme. Il cesto natalizio, per sua essenza, piace a tutti soprattutto quando si parla di prodotti che richiamano il nostro Paese. In particolare si tratta del dono ideale per chi ama sperimentare ai fornelli: grazie ai prodotti gourmet contenuti nel cesto si potranno stupire i commensali o il partner ed esibirsi con successo ai fornelli, testando ricette insolite e gustosissime. Largo alla fantasia: potete realizzare sfiziosi antipasti, oppure primi piatti ricercati con cui stupire tutti o perché no, un dolce home made dedicato al dopo cena.

Condividere il cibo è un gesto d’amore che sarà reso ancora più speciale dalla scelta di ingredienti di qualità da portare a tavola durante il Natale.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
DonnaPOP è un magazine al femminile, per scoprire tutte le news che riguardano il mondo del gossip, della televisione e dello spettacolo.