lite fedez tiziano ferro testo canzone tutto il contrario

La lite di Fedez e Tiziano Ferro per il testo della canzone ”Tutto il contrario”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La famosa lite del 2019 tra Fedez e Tiziano Ferro, per il testo della canzone Tutto il contrario, è tornata in auge dopo il discorso del rapper sul palco del concertone del primo maggio. Scopriamo il motivo…

Leggi anche: Ilaria Capitani, chi è la vice direttrice di Rai 3? Età, Fedez, Veltroni, Instagram

Fedez: il discorso dell’1 maggio

Fedez durante il concertone dell’1 maggio ha trattato l’importante tematica del DDL Zan e del suo ritardo nella calendarizzazione. Moltissimi, inoltre, gli attacchi a diversi esponenti della Lega, accusati di frasi omofobe.

I detrattori del discorso lodevole di Fedez, tra le altre cose, hanno rimesso in mezzo la vecchia lite del rapper e di Tiziano Ferro, causata da alcune presunte frasi omofobe, presenti nel testo della canzone del rapper Tutto il contrario. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire cosa era successo e la spiegazione di Fedez in merito.

Tutto il contrario: la frase di Fedez su Tiziano Ferro

La frase incriminata su Tiziano Ferro, presente nel testo della canzone Tutto il contrario di Fedez è la seguente:

Mi interessa che Tiziano Ferro abbia fatto outing. Ora so che ha mangiato più wurstel che crauti

Le scuse e le spiegazioni di Fedez

Tiziano Ferro, con dieci anni di ritardo, aveva deciso di attaccare Fedez per la frase della canzone Tutto il contrario, durante la presentazione del suo album Accetto Miracoli del 2019:

Mi si tira in ballo e io sono ironico, finché si scherza va bene. Mi spiace solo quando queste cose sono legate al sentimento e alla sessualità, perché una battuta può mettere un adolescente a disagio. Che un idolo dei ragazzini mi prenda in giro su questo è un atto di bullismo molto forte…

Fedez, dopo le dichiarazioni di Tiziano Ferro, si è subito scusato, dapprima con la comunità LGBT e poi con il collega. Tenendoci a precisare che il senso della canzone era dire ”tutto il contrario” di quello che si pensa in realtà:

Sembrerebbe che in una conferenza stampa Tiziano Ferro mi abbia accusato di omofobia e bullismo facendo riferimento a un testo che io ho scritto una decina di anni fa. Mi stupisco che si faccia riferimento a un testo scritto una decina di anni fa. Mi stupisce il tempismo. Tutto il contrario è stata una delle mie prime canzoni famose e mi fa strano rendere conto di un brano scritto dieci anni fa.

A 19 anni ci si esprime in altri modi. Cantare «Mi interessa che Tiziano Ferro abbia fatto outing» esprime bene quello che penso delle preferenze sessuali di una persona: sono accessorie

(…) Mi stupisce che quella canzone abbia offeso Tiziano. Ho portato in giro tante volte la canzone e durante gli anni ho anche conosciuto Tiziano. Non era quella l’intenzione, Mi dispiace. Sul tema omofobia e bullismo possiamo trovarci d’accordo. E possiamo anche fare qualcosa di concreto

Di seguito, per sopperire all’ offesa di Ferro, Fedez ha proposto al collega di intraprendere un progetto insieme, ma la risposta di Tiziano non è mai arrivata. Ecco le parole di Fedez in merito:

Ieri ho cercato di chiarire il mio pensiero sull’accusa di omofobia e bullismo cercando di prendere l’ennesima polemica e trasformarla per una volta in qualcosa di costruttivo.

Oltre a non aver ricevuto nessuna risposta a questa mia proposta né privatamente né pubblicamente questa mattina trovo ancora il mio nome associato alle parole: omofobo, bullo e omofobia.

La canzone si intitola Tutto il Contrario ovvero scrivo tutto il contrario di ciò che penso e anche nel momento in cui l’ho scritta non ha mai voluto esserci un testo omofobo ma… tutto il contrario! Mi sono solo stupito di questo tempismo in cui parte una caccia alle streghe per un mio testo di 10 anni fa.

Tiziano Ferro non accetta le scuse: la reazione

Tiziano Ferro non ha mai risposto a Fedez direttamente, ma ha rilasciato la sua opinione in merito al Corriere della Sera:

Il terreno sul quale i bulli e gli odiatori trovano spazio è sempre lo stesso. È lo stesso di trenta anni fa quando a scuola mi chiamavano con certe parole, mi spingevano fuori e queste scuse non bastano più. E le scuse sono sempre le stesse e sono: «L’ho fatto molto tempo fa, l’ha fatto anche lui, ma stavo scherzando».

Non va più bene, perché io sono stufo di vedere questa gente mettere l’ennesimo like o cuoricino al post che racconta la notizia di un ragazzo o di una ragazza che si sono tolti la vita per questi motivi. Le parole hanno un peso.

Restate aggiornati anche con la pagina Instagram di DonnaPOP per scoprire tutte le news in merito e non solo!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Figlia degli anni Novanta, cresciuta negli anni Zero. Risultato? Un ibrido, a tre schermi e più tastiere, ma con le radici di carta. Appassionata di Gossip, Moda e Spettacolo.