Bebe Vio, vaccino: le parole del padre, pentito di non averla vaccinata contro la meningite

Bebe Vio, il vaccino, la meningite e il dramma dell'amputazione: ecco tutta la verità sulla malattia che ha colpito la giovane campionessa.

Bebe Vio, il vaccino e la meningite: ecco tutto quello che c’è da sapere sulla dolorosa vicenda della campionessa olimpica.

Bebe Vio ha vinto la medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 nel fioretto individuale, categoria B. Un trionfo annunciato che segue quello della precedente edizione, Rio 2016, dove vinse nella stessa disciplina pur essendo al suo esordio e appena diciannovenne. Che Bebe sia una forza della natura non è certo un mistero: il modo in cui è riuscita a superare le difficoltà della vita ha dell’incredibile.

A undici anni ha subito l’amputazione degli arti per via di una meningite fulminante ma non si è mai arresa e ha proseguito nella sua passione per la scherma grazie anche al costante sostegno della famiglia. Il padre Ruggero, però, ha ribadito in molte occasioni di avere dei rimpianti per la condizione della figlia. Su tutti, quello di non averla vaccinata in tempo. Scopriamo insieme cos’è successo.

Leggi anche: Bebe Vio, che malattia ha avuto? Cosa le è successo? Tutta la storia della sportiva

Bebe Vio e il vaccino nelle parole del padre: «Avrei dovuto vaccinarla»

Bebe Vio oggi è una grandissima atleta, schermitrice d’oro bis alle Paralimpiadi. A undici anni è stata colpita da una meningite fulminante che, per via di una conseguente infezione, l’ha vista subire l’amputazione degli arti. Il padre racconta:

A dieci anni aveva fatto la profilassi contro la meningite di tipo A. Allora i sanitari ci dissero che era troppo piccola per sottoporla alla vaccinazione contro le forme di meningococco. Per loro era meglio aspettare che compisse i quattordici anni. Noi ci siamo fidati, d’altronde erano degli specialisti. Purtroppo ci siamo sbagliati: praticamente dodici mesi dopo, mia figlia ha contratto il batterio.

Oggi Bebe è in prima linea anche per la campagna di sensibilizzazione sui vaccini anticovid. Iconica la foto, sulla cover di Rolling Stone, della schermitrice con un neonato in grembo.

Non segui DonnaPOP su Instagram? Rimedia subito cliccando qui!