Ornella Muti, sua sorella Claudia è stata arrestata di nuovo per droga: ecco di cosa è accusata

Claudia Rivelli, la sorella di Ornella Muti, è stata arrestata per la seconda volta a causa di sostanze stupefacenti.

Claudia Rivelli, la sorella di Ornella Muti, è stata arrestata di nuovo. Lo scorso settembre era venuta a galla un’operazione che coinvolgeva anche la donna per importazione e traffico di sostanze stupefacenti; oggi dopo circa un mese, la sorella della nota attrice è stata nuovamente arrestata.

Leggi anche: Ornella Muti: quanti anni ha? Età, figli, vita privata, carriera, Instagram

Claudia Rivelli, sorella di Ornella Muti, è stata arrestata

Claudia Rivelli avrebbe spacciato alcune sostanze, fra cui il Gbl, ovvero la droga dello stupro. La sorella di Ornella Muti aveva giustificato il possesso di questa droga dichiarando di usarla per pulire l’argenteria e la macchina di suo figlio. A distanza di un mese dal primo arresto, però, Claudia è stata arrestata per la seconda volta. Fra le persone accusate, comunque, anche avvocati, medici, insegnanti e funzionari di enti locali: oggi la sorella di Ornella Muti si trova ai domiciliari con l’accusa di importazione e cessione di sostanze stupefacenti.

Come arrivava la droga?

Nel corso delle indagini, gli agenti hanno stabilito che l’importazione dall’estero avveniva ovviamente in gran segreto, ma l’acquisto era previsto solamente online. Il pagamento e la spedizione venivano effettuati direttamente con e dai fornitori esteri. Alcune chat di Claudia Rivelli, sorella di Ornella Muti, confermerebbero che la donna parlava delle sostanze stupefacenti con suo figlio; ecco cosa si legge:

Pacco arrivato e nascosto. Fammi sapere notizie mano a mano, se no mi agito troppo fino a giovedì.

Nell’ordinanza del GIP sulla sorella di Ornella Muti si legge:

Il tenore delle chat WhatsApp e la circostanza che l’indagata camuffasse il reale contenuto delle spedizioni appaiono elementi oggettivamente indicativi della piena consapevolezza e della volontà di quest’ultima di realizzare condotte penalmente rilevanti, ponendosi quale schermo per agevolare il figlio nell’importazione di sostanza nel Regno Unito dove è considerata illegale al pari dell’Italia, in tal modo riuscendo ad aggirare i controlli doganali.

Cosa succederà ora a Claudia Rivelli? Seguici su Instagram cliccando QUI per tutte le news in merito!