Liliana Resinovich, tutta la storia: chi è e cosa è successo? Età, marito, figli, figlia morta, fratello, autopsia, ultime notizie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Liliana Resinovich è scomparsa lo scorso 14 dicembre, ma cosa le è successo? I dettagli all'interno del nostro articolo!

Liliana Resinovich è scomparsa lo scorso 14 dicembre e il 5 gennaio il suo corpo è stato rinvenuto nel bosco dell’ex Ospedale Psichiatrico di San Giovanni a Trieste. Ma cosa le è successo?

Leggi anche: Agata Scuto, tutta la storia: cosa è successo? Scomparsa Acireale, corpo, mamma, fratelli, ultime notizie

Chi era Liliana Resinovich?

Fratello

Liliana Resinovich è sparita da casa sua il 14 dicembre 2021; la donna è uscita senza chiavi di casa e senza cellulare. È stato suo fratello a fare la denuncia di scomparsa, allarmato dal fatto che il marito della diretta interessata non la vedesse da qualche ora. Dopo molti giorni di ricerche, il corpo di Liliana è stato ritrovato il 5 gennaio del 2022 nel boschetto dell’ex Ospedale Psichiatrico di San Giovanni e l’11 gennaio scorso è stato riconosciuto dal fratello, Sergio Resinovich.

Età

Liliana Resinovich al momento della scomparsa aveva 63 anni; era una donna pensionata e conduceva una vita normale fatta di semplici abitudini. Attualmente è stata aperta un’inchiesta per omicidio. La causa della morte è stata il soffocamento: il corpo della donna è stato ritrovato in due grandi sacchi neri e la sua testa avvolta in due sacchetti di nylon trasparenti.

I dettagli

Il corpo di Liliana Resinovich non ha riportato alcun segno di violenza, né percosse o tracce di abuso sessuale. Nulla, insomma, farebbe pensare a un omicidio, ma qualcosa non quadra. Se la donna avesse deciso di suicidarsi, perché avrebbe scelto un metodo del genere? Gli inquirenti credono che il cadavere possa esser stato portato sul luogo del ritrovamento in un momento successivo alla morte e che quindi sia coinvolto qualcuno nella sparizione della Resinovich.

Marito

In questa settimane gli inquirenti si sono soffermati su quanto riferito dal marito di Liliana; il 72enne Sebastiano Visentin. Il giorno della scomparsa di sua moglie, l’uomo era andato a ritirare dei coltelli in alcuni supermercati e pescherie del centro e della periferia della loro città. Il marito di Liliana Resinovich è un ex fotografo ormai in pensione e ha un laboratorio dove affila le lame. Verso mezzogiorno del 14 dicembre, secondo la sua ricostruzione, è andato a fare un giro in bicicletta per provare la sua nuova GoPro. In un primo momento, tuttavia, Sebastiano aveva fornito una diversa versione della sua giornata, senza fare riferimento ai supermercati e alle pescherie dove avrebbe ritirato i coltelli.

marito liliana resinovich

Liliana e suo marito Sebastiano

Amante

Liliana Resinovich la mattina della sua scomparsa aveva appuntamento con un suo grande amico, l’82enne Claudio Sterpin. Sembra che fra i due ci fosse una relazione clandestina in corso. La donna, secondo quanto è emerso dalle indagini, avrebbe voluto lasciare suo marito per intraprendere a tutti gli effetti una storia d’amore con il suo amico di vecchia data. Liliana e Claudio avrebbero dovuto trascorrere insieme il weekend successivo alla scomparsa di lei.

Gli avvistamenti

Gli unici avvistamenti di Liliana il giorno della sua sparizione potrebbero essere quelli di una fruttivendola rionale fra le 8:15 e le 8:30; ecco le parole della donna:

Era lei, l’ho riconosciuta dal ciuffo bianco dei capelli.

Nessuna telecamera in zona ha ripreso il passaggio della Resinovich.

Figli e figlia morta

Sebastiano Visintin, da una passata relazione, aveva avuto una figlia, morta nel 2010. In una sua recente intervista, il marito di Liliana Resinovich ha dichiarato:

Sabato vado via da Trieste, vado sulla tomba di mia figlia e le porterò uno dei sassolini che raccoglieva Lilly.

Non sappiamo se la coppia avesse dei figli. Uno dei due cellulari della donna scomparsa, comunque, apparteneva proprio alla figlia morta di suo marito; sempre Visintin dice:

Le avevo chiesto io di tenere quello che era appartenuto a mia figlia, morta dieci anni fa. Lei lo usava solo per andare sui social. Era la prima volta comunque che lasciava i telefonini a casa, non era mai capitato.

Seguici su Instagram cliccando QUI!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv