Liliana Resinovich scomparsa: perché il marito ha iniziato a dare vita la sua roba? Storia, vicini e ultime news

Perché il marito di Liliana Resinovich ha iniziato a dare via la sua roba prima ancora che la donna fosse ritrovata?

Continua a suscitare grande scalpore il caso di Liliana Resinovich, la donna scomparsa lo scorso dicembre da Trieste. Suo marito Sebastiano Visentin ha iniziato a dare via la sua roba prima che la donna fosse ritrovata morta, ma perché?

Leggi anche: Liliana Resinovich scomparsa, ultime news, parlano i vicini di casa: «Abbiamo insistito noi col marito per denunciare»

Liliana Resinovich scomparsa: cosa le è successo?

Liliana Resinovich è sparita da casa sua il 14 dicembre 2021; la donna è uscita senza chiavi di casa e senza cellulare. È stato suo fratello a fare la denuncia di scomparsa, allarmato dal fatto che il marito della diretta interessata non la vedesse da qualche ora. Dopo molti giorni di ricerche, il corpo di Liliana è stato ritrovato il 5 gennaio del 2022 nel boschetto dell’ex Ospedale Psichiatrico di San Giovanni e l’11 gennaio scorso è stato riconosciuto dal fratello, Sergio Resinovich.

Vicini

I vicini di casa di Liliana Resinovich hanno rilasciato delle testimonianze chiave per risolvere, forse, il caso della donna scomparsa: Gabriella e Salvatore, il giorno della sparizione, hanno raggiunto Sebastiano Visintin, marito di Liliana, cercando di capire cosa fosse successo alla moglie di quest’ultimo.

marito liliana resinovich

Liliana e suo marito Sebastiano

Secondo la ricostruzione dei vicini, l’uomo avrebbe tergiversato prima di chiamare i soccorsi e allertare le forze dell’ordine. Sarebbero stati quindi Gabriella e Salvatore a convincere Sebastiano a chiamare qualcuno:

Ho riconosciuto sul cellulare di Liliana delle chiamate perse da parte di un numero, non salvato, che apparteneva a Sterpin e quando ho chiesto al marito di richiamare quel numero, lui non ha voluto. Ma in quell’occasione, se tua moglie è scomparsa… lui voleva aspettare, non voleva allertare nessuno.

Il dettaglio della borsa

Un altro dettaglio inquietante tinge di giallo la storia di Liliana Resinovich: il marito della donna ha raccontato che sua moglie, uscendo di casa, avrebbe portato con sé una borsa che usava sempre. Questo accessorio, inizialmente, non è stato ritrovato in casa, ma dopo poco – sempre stando alle dichiarazioni dei vicini di casa di Liliana – è comparsa nell’armadio della donna, in bella vista. Ecco le parole della signora Gabriella:

Lilly indossava sempre un’altra borsa che quando siamo andati a casa sua a cercare tra le sue cose un indizio non abbiamo trovato subito: io ricordo di non averla vista, lui però l’ha mostrata al fratello dopo qualche giorno, era lì, nell’armadio.

Perché il marito si disfa della roba di Liliana Resinovich?

Una coppia di amici di Liliana e Sebastiano, recentemente, hanno dichiarato le intenzioni del marito della donna scomparsa e ritrovata cadavere. Sembra che Visentin, già dallo scorso dicembre, abbia iniziato a dare via le cose di sua moglie. Ma perché? Perché l’uomo si è iniziato a disfare degli oggetti e della bicicletta di Liliana Resinovich ancor prima del suo ritrovamento? Chi L’ha Visto, che si occupa del caso della donna scomparsa da Trieste, ha raggiunto gli amici della coppia: potete ascoltarle cliccando QUI!

Indagini

Al momento l’’indagine della Procura di Trieste è contro ignoti, per sequestro di persona.

Seguici su Instagram cliccando QUI!