A Chiara film: dove vederlo completo in streaming, trama, cast, quanto dura, recensioni, trailer

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Chiara è il film drammatico di Jonas Carpignano, ma di cosa parla? Dove è possibile vederlo? Quanto dura? Tutti i dettagli e la recensione nel nostro articolo

A Chiara è il film drammatico di Jonas Carpignano, ma di cosa parla? Dove è possibile vederlo? Quanto dura?

Leggi anche: A Chiara, chi è Swamy Rotolo, l’attrice protagonista? Età, dove è nata, fidanzato, film, dove vive, Instagram

A Chiara: la trama del film

Chiara ha 15 anni ed è nella fase della vita in cui ci si inizia a fare domande: la sua famiglia abita a Gioia Tauro, in Calabria, e suo padre sfugge alle forze dell’ordine, lasciando la ragazza in un grande sconforto. Da qui le sue domande iniziano a farsi scomode: Chiara non riesce a capire la situazione della sua famiglia, ma capisce che ci sono cose che è meglio non conoscere. Nonostante questo non smette di cercare risposte, soprattutto da suo padre a cui è legatissima. La ragazza scoprirà che quell’uomo è in realtà per lei un completo sconosciuto.

Dove vederlo in streaming

Il film A Chiara è possibile vederlo in streaming su qualsiasi piattaforma online; QUI ve ne lasciamo un esempio.

Quanto dura?

A Chiara dura 121 minuti.

Cast

Il cast del film ha diversi volti familiari per il cinema italiano; in A Chiara troviamo:

  • Carmela Fumo
  • Swamy Rotolo
  • Claudio Rotolo
  • Giorgia Rotolo
  • Grecia Rotolo
  • Koudous Seihon
  • Pio Amato
  • Antonio Rotolo
  • Vincenzo Rotolo
  • Antonina Fumo
  • Giusi D’Uscio
  • Patrizia Amato
  • Concetta Grillo

Trailer

Recensioni

Su madmass.it possiamo trovare una lunga recensione del film A Chiara; eccone un estratto:

Jonas Carpignano continua la sua epopea calabrese dopo Mediterranea e A Ciambra per dimostrare che, a guardare bene il mondo, si possono intravedere le sfumature espunte dalla polarizzazione del mondo contemporaneo. Ci si aspetta il sangue, le pistole, l’adrenalina e invece spunta un racconto familiare avvolto dalla criminalità. Si vive anche se si appartiene alla ndrangheta, si ride e si scherza come i non-affiliati, perché quella che per gli stranieri è una forza del male, per chi ci ha a che fare tutti i giorni è una variabile della realtà.

E ancora:

L’invito di A Chiara è semplice e disturbante: venite nella quotidianità di un concetto e sperimentatelo senza filtri imposti. Si avverte una sensazione di claustrofobia, si racconta da dentro, non da sopra e si intercetta una gamma di sentimenti molto più variegata.
Paga in questo senso la scelta di proseguire con attori presi in prestito dalla vita di tutti i giorni e con cui il regista ha condiviso una parte della sua vita. Swamy Rotolo – una grandissima scoperta – e la sua famiglia riportano nella finzione orchestrata dal film la stessa spontaneità che la famiglia Amato con Pio aveva trasmesso nella comunità Rom della Ciambra.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv