15 agosto che festa è? Cosa si festeggia? Perché è segnato Festivo? Perché si chiama Ferragosto? Significato e spiegazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ferragosto è una festività che si celebra il 15 agosto. Ma cosa si festeggia? Andiamo a scoprire insieme il significato di tale tradizione

Come ogni estate, il 15 agosto è una giornata di festa nazionale e capita proprio durante le vacanze estive. Se vi siete mai interrogati su cosa si celebri in questa famosa data e da dove prenda origine tale tradizione, qui trovate tutte le informazioni e le curiosità a riguardo. Cosa si festeggia a Ferragosto? Andiamo a scoprirlo (o a ricordarlo) meglio insieme!

Leggi anche: 2 giugno: che festa è in Italia? Cosa è successo nel 1946? Come è nata la festa della Repubblica? Storia e riassunto

15 agosto che festa è? Cosa si festeggia?

Il 15 agosto è una data festiva nota come Ferragosto. Ma cosa si festeggia, nello specifico? La tradizione ha origini cattoliche e si riferisce all’Ascensione di Maria al cielo. Per il Vaticano, l’Ascensione consterebbe di un passaggio diretto, anima e corpo, della madre di Gesù in paradiso al termine della sua vita terrena. Inizialmente, il calendario evangelico avrebbe voluto fissare questo evento il primo d’agosto, ma per convenzione la celebrazione è stata poi spostata al 15 del mese.

Perché è segnato Festivo?

Il 15 agosto è una data festiva nota come Ferragosto. Perché è segnato Festivo? La domanda può sorgere spontanea dato che cade proprio in un periodo estivo e già vacanziero per tradizione. Ferragosto, però, è fin dalle sue origini una festività cattolica che celebra l’Ascensione di Maria Vergine in Cielo al termine della sua vita terrena. L’evento mistico è riportato nel Nuovo Testamento.

Perché si chiama Ferragosto? Significato e spiegazione

Perché si chiama così? Il nome è stato preso in prestito da una festività romana, ossia “feriae Augusti“. Letteralmente, si traduce con “il riposo di Augusto” e fu istituita dall’imperatore di Roma Ottaviano Augusto nel 18 a. C. Il motivo? L’esigenza di celebrare un mese tutto per sé, senza dover rispondere alle responsabilità del suo ruolo. In pratica, lo stesso concetto delle nostre ferie attuali. Oltre all’onomastica, la festività ha una valenza festiva di matrice cattolica. In quella data si celebra infatti, per convenzione, l’Ascensione al Cielo di Maria Vergine al termine della sua vita terrena.

Seguici su Instagram cliccando QUI!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin