Omicidio Alessandra Matteuzzi, perché Giovanni Padovani l’ha uccisa con martello e panca? «Istinto della distruzione», ecco cosa significa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Perché Giovanni Padovani ha usato un martello per uccidere Alessandra Matteuzzi? La ricostruzione degli esperti

Giovanni Padovani è l’uomo che ha ucciso Alessandra Matteuzzi a colpi di martello e panca. Ma perché proprio in questo modo? Secondo la criminologia, questi oggetti avrebbero un significato preciso. Quale?

Leggi anche: Giovanni Padovani, chi è il calciatore che ha ucciso Alessandra Matteuzzi? Età, famiglia, carriera, dove gioca, squadra, stipendio, Instagram

Perché Giovanni Padovani ha usato un martello per uccidere Alessandra Matteuzzi?

La morte di Alessandra Matteuzzi ha creato un grosso dibattito attorno alla terribile vicenda: Giovanni Padovani, il suo assassino, era già stato denunciato per stalking soltanto un mese prima e da tempo aveva atteggiamenti davvero preoccupanti nei confronti di quella che è stata poi la sua vittima. Nonostante le condotte da codice rosso, però, l’assassino di Alessandra non ha mai ottenuto misure restrittive nei confronti della donna.

I dettagli

Prima di ucciderla, infatti, Giovanni Padovani aveva assunto nei confronti di Alessandra Matteuzzi degli atteggiamenti davvero preoccupanti: le aveva messo lo zucchero nel serbatoio della macchina, le aveva tagliato le gomme della stessa auto e le aveva sottratto le chiavi di casa.

La morte

L’omicidio di Alessandra Matteuzzi è avvenuto attorno alle 21:30 di ieri sera, al culmine di una violenta discussione con l’ex fidanzato. La Polizia è stata chiamata sul posto da alcuni condomini che hanno trovato la vittima stesa in terra e ferita gravemente alla testa, in stato di incoscienza. La donna, infatti, è stata uccisa a martellate e ha riportato un gravissimo trauma cranico dopo esser stata colpita. La vittima è stata trasportata immediatamente in ospedale, ma per lei non c’è stato nulla da fare. Immediato l’arresto per l’aggressore. Ma perché Giovanni Padovani ha usato proprio un martello e una panca di ferro per uccidere Alessandra? Nella letteratura criminologica, questi oggetti hanno un significato ben preciso: innanzi tutto si conferma una rabbia fuori dal comune e la crudeltà dell’assassino.

Cosa vuol dire “istinto della distruzione”?

Nel linguaggio tecnico, l’istinto alla distruzione, soprattutto nei casi in cui sono gli uomini a uccidere le donne, sta a significare che per l’aggressore non è sufficiente uccidere, ma anche infierire e portare moltissima sofferenza alla sua vittima. Questa circostanza mostra anche il piacere di chi la applica. Giovanni Padovani, inoltre, dopo aver ripetutamente colpito Alessandra Matteuzzi con un martello e una panca di ferro ha aspettato la Polizia sulla scena del crimine e – sempre secondo gli esperti – lo avrebbe fatto autocompiacendosi della reazione che avrebbero potuto avere i presenti nell’assistere a tale scena di devastazione umana.

La fuga

Giovanni Padovani non ha tentato di scappare dopo la morte di Alessandra Matteuzzi, né si è costituito: il ragazzo ha semplicemente aspettato le forze dell’ordine, ponendosi come vincitore sulla sua vittima. Secondo le ricostruzioni, quindi, il calciatore avrebbe dei tratti fortemente narcisistici nella sua personalità e non accettava l’idea di esser stato lasciato dalla sua compagna.

Cosa succederà ora?

Come è lecito e prevedibile che sia, è plausibile credere che gli avvocati di Padovani faranno il possibile per farlo periziare, potendo quindi definire se fosse stato in grado di intendere e di volere al momento dell’omicidio. Nei primi giorni di detenzione, comunque, Giovanni è stato visto mangiare con appetito e di buon umore nella mensa del carcere, segno – questo – di una follia omicida lucida.

Seguici su Instagram cliccando QUI!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv