Emanuele Crialese, chi è il regista nato donna che ha conquistato Venezia? Età, moglie e figli, FOTO prima, film, L’Immensità, Instagram

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Emanuele Crialese è il regista italiano che ha conquistato Venezia insieme a Penelope Cruz e Vincenzo D'Amato.

Emanuele Crialese è un regista italiano che in questi giorni ha conquistato Venezia e il Festival del Cinema. Ma cosa sappiamo di lui?

Leggi anche: Emma Marrone: età, fidanzato attuale, incinta, papà Rosario, mamma, fratello Francesco, Stefano De Martino, Marco Bocci, canzoni famose, quanti Sanremo ha vinto, Amici, in che anno ha partecipato, Instagram

Chi è Emanuele Crialese?

Biografia

Emanuele Crialese è nato a Roma il 26 luglio del 1965 e oggi ha 57 anni; il regista proviene da una famiglia di origine siciliana, ma ben presto parte alla volta di New York per studiare nella prestigiosa New York University. Nel 1995 si laurea e già alla fine degli anni Novanta gira diversi cortometraggi, fra cui Heartless.

Film

Nel 1997 Emanuele Crialese esordisce con una pellicola dal nome Once We Were Strangers, insieme a Vincenzo Amato. Oltre ai lavori per il grande schermo, il regista ha lavorato anche a teatro accanto a famosi produttori come Bob Chartoff. A ogni modo, fra i suoi film, troviamo:

  • Respiro
  • Nuovomondo
  • Terraferma

L’immensità

Nel 2022 Emanuele Crialesi è tornato alla Mostra del Cinema di Venezia presentando L’Immensità, il nuovo film ambientato negli Anni Settanta. Insieme a lui Penelope Cruz e Vincenzo Amato.

Il cambio di sesso

Non molti sanno che Emanuele Crialese è nato donna: in un’intervista del Corriere della Sera ha svelato che il suo ultimo film, presentato quest’anno a Venezia, parla proprio della sua storia di uomo trans in Italia. Ecco le sue parole:

Per cambiare la A con la E del mio nome [da Emanuela a Emanuele, ndr], ho dovuto lasciare un pezzo del mio corpo, il pegno che mi ha chiesto la società, sennò non avrei potuto cambiare nei documenti.

Il regista si riferisce a una legge italiana che è stata valida fino al 2015: secondo il disegno, infatti, si prevedeva l’obbligo di un’operazione chirurgica ai genitali per poter avere un riconoscimento legale del proprio genere sui documenti. Sul suo film, L’Immensità, Crialese ha detto:

È il film che inseguo da sempre, il più desiderato. Ora sono pronto. Se l’avessi fatto prima sarebbe stato palloso e didascalico, un poveraccio che usa la crisi di genere. Ho aspettato per avere consapevolezza di me e del linguaggio cinematografico.

Instagram

Su Instagram il regista è possibile trovarlo cliccando QUI!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv