«Paola Egonu è lesbica»: basta etichette, l’atleta ci dà una lezione di intelligenza

Paola Egonu «Ho amato una donna, quindi sono lesbica?». La pallavolista e futura conduttrice di Sanremo 2023 spiazza con le sue dichiarazioni

Paola Egonu, atleta italiana e prossima co-conduttrice di Sanremo 2023, non fa sconti all’ignoranza: le dichiarazioni sulla sua vita privata continuano ad essere mantra e lezioni da seguire con attenta osservanza: «Ho amato una donna, quindi sono lesbica? Non funziona così». 

Leggi anche: Chiara Ferragni snob con le altre conduttrici di Sanremo 2023? La verità in una foto

L’atleta italiana, spesso al centro di sterili chiacchiericci del gossip nostrano, non si mai tirata indietro dal dire la sua in merito alle tematiche sociali più importanti: dal razzismo subìto alla richiesta di etichettare la sua sessualità.

«Ho amato una donna. Quindi sono lesbica?»

In un’intervista al Corriere della Sera, risalente a Maggio 2021, Paola Egonu ha dato una grande lezione di intelligenza. L’atleta italiana, in passato, aveva reso pubblica la sua relazione con la collega Katarzyna Skorupa:

Dopo la finale persa con la Serbia ero in lacrime, ho chiamato la mia fidanzata, mi ha detto che le sconfitte fanno male ma ci insegnano sempre qualcosa. Ho una fidanzata, non ho problemi a dirlo, anzi la trovo una cosa normale

Da quel momento i titoli delle maggiori testate hanno deciso di associare il nome di Paola Egonu ad un etichetta precisa: quella di lesbica. Posto che se l’atleta si fosse dichiarata lesbica non ci sarebbe stato nulla da commentare, il semplicismo con cui si decide di etichettare le scelte sessuali di una persona suona demodé e lontano dalla realtà e dalle consapevolezze in cui oggi viviamo (si spera).

E proprio a tal proposito la futura co-conduttrice di Sanremo 2023, cone le sue dichiarazioni n ha insegnato a tutti cosa non è il caso di commentare e perché:

Ho ammesso di amare una donna (e lo ridirei, non mi sono mai pentita) e tutti a dire: ecco, la Egonu è lesbica. No, non funziona così. Mi ero innamorata di una collega, ma non significa che non potrei innamorami di un ragazzo, o di un’altra donna

Lesbica o bisessuale: basta etichette

Le dichiarazioni di Paola Egonu si basano su un concetto elementare, purtroppo non scontato: quello della verità e del sentire senza pregiudizi. Sarebbe, inoltre, sbagliato cadere nell’errore di ritenerla un simbolo e rinchiuderla nell’ennesima etichetta meglio confezionata. Paola Egonu è una pallavolista, questa è la scelta che ha fatto nella vita seguendo il suo talento.

Le dinamiche della sua vita sentimentale, sessuale e più intima non sono affare di nessuno se non suo. E Paola Egonu lo conferma rispondendo tranquillamente, quando ha voglia, alle domande sulla sua vita privata e stupendosi, come giusto che sia, quando altri per lei decidono di darle una collocazione precisa.