Biagio Chiariello, chi è il comandante dei vigili di Arzano? Perché è sotto scorta? Cosa è successo? Tutta la storia

Biagio Chiariello attualmente si trova sotto scorta dopo i messaggi evocativi da parte della Camorra. Ma cosa è successo?

Biagio Chiariello attualmente si trova sotto scorta dopo i messaggi evocativi da parte della Camorra. Ma cosa è successo?

Leggi anche: Gravedona, Massimo Riella evaso: chi è e cosa ha fatto? Età, moglie, figli, lavoro, perché è stato arrestato, FOTO, VIDEO, Facebook

Cosa è successo a Biagio Chiariello?

Il Comandante dei Vigili di Arzano, Biagio Chiariello, è stato minacciato tramite manifesti dalla camorra. I responsabili di questo gesto hanno affisso dei manifesti funebri all’interno del Comando della Polizia locale, che ovviamente sta indagando a 360 gradi. I poster sono stati rinvenuti all’interno del parco macchine e mostrano un necrologio  del Comandante Chiariello, impegnato da tempo al ripristino della legalità e nella lotta contro il clan della 167.

I manifesti

Ecco cosa recitavano i manifesti funebri fatti per Biagio Chiariello:

È mancato all’affetto dei suoi cari. Il 10 marzo è deceduto il signor Biagio Chiariello. Colonnello qui siamo ad Arzano no a Frattamaggiore qui il casino non ci piace. I familiari e i parenti ne danno il triste annuncio.

Le frasi sono state accompagnate da una foto del Comandante dei Vigili di Arzano.

biagio chiariello manifesto funebre

Il manifesto

La scorta

Attualmente, quindi, Biagio si trova sotto scorta per evitare che l’avvertimento camorristico possa convalidarsi in un’azione sconsiderata che potrebbe vederne la morte. Il caso dei manifesti funebri, comunque, fa seguito a un altro “avviso”, se così si può dire, su cui già sta indagando la Procura. Biagio Chiariello, infatti, aveva in precedenza subìto minacce durante il censimento degli alloggi occupati abusivamente nel rione della 167 di Arzano, roccaforte dell’attività camorristica del luogo. Sulla vicenda è intervenuto anche il Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, il senatore Morra, che solo qualche settimana fa era stato in visita ad Arzano e nel rione 167 insieme al senatore Ruotolo e Don Maurizio Patriciello. 

Seguici su Instagram cliccando QUI!