Smalto semipermanente: tutto l’occorrente per ottenere una manicure impeccabile

Lo smalto semipermanente non è più un segreto inaccessibile: leggi tutto quello che devi sapere in merito!

Unghie sempre perfette? No, non è più un sogno! Grazie allo smalto semipermanente oggi possiamo sfoggiare una manicure invidiabile, capace di resistere inalterata per settimane. Ovviamente sarà necessario attrezzarsi di tutto punto. Andiamo a scopriamo subito tutto l’occorrente!

Cos’è lo smalto semipermanente?

Lo smalto semipermanente è uno smalto fotoindurente che necessita di una lampada UV per asciugare perfettamente. Grazie a questa sua particolarità, lo smalto semipermanente offre resistenza e brillantezza decisamente superiori rispetto agli smalti tradizionali, ovvero quelli che asciugano all’aria e che si eliminano con una semplice passata di acetone.

Il risultato? Le unghie smaltate rimangono impeccabili per numerosi giorni, senza scheggiarsi e senza opacizzarsi, anche se a contatto di eventuali sostanze chimiche. Una volta catalizzato con il fornetto UV, e sigillato con un top coat fotoindurente, lo smalto semipermanente crea uno strato di colore dalla durata eccezionale.

La sua consistenza densa si stende senza creare striature e in modo omogeneo. Unica accortezza è il ritocco; necessario solo dopo alcune settimane, per evitare che la ricrescita delle unghie sia visibile. La manicure con smalto semipermanente può essere realizzata presso un nail studio o a casa, in tutta sicurezza.

Occorrente per applicare lo smalto semipermanente nel modo corretto

Per fare una manicure con smalto semipermanente a casa ci si dovrà munire di tutta una serie di prodotti e attrezzi specifici, in modo da ottenere un risultato professionale, proprio come dall’estetista! Gli strumenti essenziali per applicare, e rimuovere, lo smalto semipermanente sono:

  • Buffer: Si tratta di un mattoncino foderato da una carta leggermente abrasiva che serve a limare e opacizzare le unghie in modo delicato, senza sfaldarle o danneggiarle. In questo modo i prodotti che si andranno ad applicare successivamente aderiranno perfettamente sull’unghia.
  • Lima unghie 100/180: La lima con grana 100/180 può risultare utile per la prima fase della rimozione dello smalto semipermanente o per accorciare l’unghia durante un eventuale ritocco. Tuttavia, alcune tipologie di smalti semipermanenti non richiedono questo strumento, come quelli peel-off.
  • Primer: Anche chiamato base, il primer è un prodotto essenziale che non può mancare! Applicato come uno smalto, serve a disidratare leggermente l’unghia da trattare, affinché lo smalto semipermanente aderisca meglio e, di conseguenza, abbia una maggior durata.
  • Smalto semipermanente: Colorati, neutri, glossy o matte, gli smalti semipermanenti vengono proposti in un’infinità di varianti. In tutto e per tutto simile allo smalto normale, lo smalto semipermanente si asciuga solo se polimerizzato con il fornetto unghie UV LED.
  • Top coat: Altro elemento fondamentale per la buona riuscita della manicure semipermanente, il primer – o top coat – va steso dopo la polimerizzazione dello smalto. Oltre alla sua azione sigillante, il top coat dona un finish lucido super scintillante, oppure opaco, oggi particolarmente di tendenza. Ovviamente, anche il top coat prevede un passaggio in lampada UV LED!
  • Sgrassatore: Simile all’acetone, lo sgrassatore è un prodotto che, applicato con un dischetto in cotone dopo la catalizzazione dello smalto semipermanente e del top coat, sgrassa le unghie rendendole perfettamente lisce e asciutte.
  • Remover: Il remover per lo smalto semipermanente è una sostanza apposita che serve per ammorbidire e quindi rimuovere il vecchio strato di smalto dalle unghie. Anche l’acetone al 100% svolge lo stesso compito.
  • Dischetti struccanti in cotone: Utilizza solo dischetti compatti in cotone o patch di ovatta. Evita invece di usare i batuffoli di cotone, poiché questi tendono a lasciare pelucchi.
  • Bastoncini in legno d’arancio: Si tratta di un pratico ed economico strumento multiuso. Infatti, oltre a servire per staccare i residui di smalto semipermanente dall’unghia durante la fase di rimozione, i bastoncini in legno d’arancio consentono di spingere le cuticole prima di procedere con l’applicazione della base.
  • Fornetto UV/LED: Il fornetto UV LED è dotato di una lampada a raggi ultravioletti che polimerizza lo smalto semipermanente, il top coat e la ricostruzione unghie. Senza questo geniale strumento la manicure semipermanente non asciugherà mai!

Ovviamente, per ottenere un risultato ottimale, si consiglia di utilizzare solo i migliori smalti semipermanenti in commercio! Un prodotto scadente, infatti, andrà inesorabilmente a rendere vani tutti i nostri sforzi. Le principianti, o coloro che hanno poca dimestichezza con questa tipologia di manicure, potranno optare per un kit semipermanente unghie, pratico e completo.

Vai sempre di fretta? Allora lo smalto semipermanente 3 in 1 potrebbe semplificarti la vita!

Come si applica lo smalto semipermanente?

Eseguire una manicure con smalto semipermanente è più semplice di quanto sembra; basta avere gli strumenti necessari a portata di mano e seguire attentamente tutti i passaggi di applicazione. Ecco di seguito gli step per realizzare la manicure con smalto semipermanente nel modo giusto:

  1. Dare la forma desiderata alle unghie e spingere le cuticole: Con lima e buffer rendiamo regolare la forma delle nostre unghie, mentre con lo spingi cuticole liberiamo l’unghia dalle antiestetiche pellicine, (facendo molta attenzione, per evitare di farci male). A questo punto si può sgrassare l’unghia per eliminare eventuali impurità.
  2. Stendere il primer: È il momento di stendere un leggero strato di primer. Questo, a differenza dello smalto semipermanente e del top coat, è un prodotto che asciuga all’aria, quindi non necessita di essere polimerizzato in lampada. Attendere qualche attimo (attenersi ai tempi indicati nella confezione) prima di procedere con l’applicazione dello smalto semipermanente.
  3. Applicare lo smalto semipermanente: Siamo finalmente arrivate al momento clou della nostra manicure semipermanente! Stendi una quantità adeguata di prodotto sulle unghie, facendo attenzione a non esagerare! Ricorda che questo passaggio potrà essere ripetuto una seconda volta.
  4. Catalizzare in lampada UV LED: In base al fornetto acquistato, si potranno catalizzare tutte le unghie in una sola volta, oppure prima le unghie dei pollici e poi le tutte le altre. I tempi di polimerizzazione possono cambiare a seconda del prodotto scelto, tuttavia si aggirano intorno ai 60 secondi. Ripetere il passaggio se necessario, (consigliato per rendere più intenso il colore e per donare maggior spessore alle unghie).
  5. Applicare il Top Coat: Sigilla il tutto con il top coat, lucido o matte. Mentre stendi il prodotto fai in modo che il top coat vada a sigillare bene la punta di tutte le unghie.
  6. Polimerizzare il Top Coat: Ora catalizza il sigillante, sempre seguendo i tempi indicati sulla confezione. Dopo questo passaggio la superficie delle unghie potrebbe apparire leggermente appiccicosa. Non ti preoccupare! È del tutto normale.
  7. Sgrassare le unghie: Indispensabile per rendere le unghie perfettamente lisce ed eliminare il cosiddetto “strato di dispersione” dopo la catalizzazione. Va passato delicatamente su tutte le unghie con un dischetto in cotone.

Conclusione

Se desideri unghie sempre perfette, lo smalto semipermanente è un must! Disponibili in tantissimi colori diversi, gli smalti semipermanenti richiedono un po’ più di tempo per applicazione e rimozione, ma i risultati pagano! Essi infatti sono in grado di durare inalterati per settimane, senza sbiadire o scheggiarsi.

Per fare la tua manicure da casa come nel salone di bellezza, potrai acquistare online tutto l’occorrente evitando di spendere cifre esorbitanti! Insomma, con un po’ di pratica e i prodotti giusti, otterrai unghie da primo piano da sfoderare in ogni occasione, senza doverti preoccupare dei lavori domestici o di un tuffo in piscina.