Alessandro Vacchiano, chi era il fidanzato di Marzia Capezzuti e come è morto? Tutto sui genitori e la sorella

Cosa sappiamo del fidanzato di Marzia Capezzuti? Come è morto Alessandro Vacchiano? Tutte le notizie a seguire nell'articolo

Alessandro Vacchiano è uno dei nomi che ruotano attorno alla bruttissima vicenda di Marzia Capezzuti: è stato il fidanzato della ragazza scomparsa e conseguentemente uccisa. A macchiarsi le mani con questo omicidio è stata proprio la famiglia di lui, ma cosa è successo? Cosa sappiamo della loro coppia?

Leggi anche: Pontecagnano, Marzia Capezzuti scomparsa, cosa è successo?

Il fidanzato è stato il motivo per cui Marzia ha deciso di spostarsi dalla casa dei suoi genitori per arrivare a Pontecagnano, dove poi ha trovato la morte. Anche lui, però, prima di lei è stato ritrovato cadavere. Attualmente, comunque, per l’omicidio della ragazza sono accusate e indagate cinque persone, su di loro pende l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere.

Chi era il fidanzato di Marzia Capezzuti?

Di Alessandro Vacchiano, ex fidanzato di Marzia Capezzuti, sappiamo poco: il suo nome è uscito fuori in merito alle indagini sulla ragazza scomparsa e oggi dichiarata ufficialmente morta. Lui è il motivo per cui lei ha deciso di lasciare i genitori per trasferirsi nella provincia di Salerno, a Pontecagnano; in quel luogo ha trovato letteralmente una casa degli orrori.

Da quello che è emerso nel corso delle indagini, Vacchiano aveva un figlio e una ex compagna, rispettivamente intervistati a Chi L’ha Visto, storico programma di Rai Tre che si occupa di fare luce sui casi di scomparsa. Giuseppe e Daniela – questi i nomi dei due – hanno fornito degli elementi tanto chiari quanto sconfortanti su ciò che riguarda Alessandro e il suo modo di gestire le relazioni.

La sua ex fidanzata ha spiegato che era un uomo violento e spesso beveva; anche lei, come Marzia Capezzuti, ha vissuto un incubo nella casa del suo compagno:  “Avevo paura di tutti in quella casa, dal più piccolo al più grande. Non ho avuto mai il coraggio di andarmene o denunciare, era come se fossi addormentata dentro“.

Fortunatamente, però, la donna è riuscita a scappare grazie all’aiuto della sua famiglia: “Se fossi rimasta forse avrei fatto la stessa fine di Marzia“.

Come è morto Alessandro Vacchiano?

Alessandro Vacchiano, ex fidanzato di Marzia Capezzuti, è morto l’11 novembre del 2019. Non si sa cosa sia realmente successo; il suo cadavere è stato ritrovato nei sotterranei della stazione di Napoli e le indagini indicano che sia morto per overdose. Daniela e Giuseppe, la sua ex compagna e suo figlio, in quell’occasione si recarono a casa dei parenti di lui per parlare con i familiari e porgere loro le condoglianze; qui videro Marzia per la prima volta; di quell’incontro, la donna ha rivelato: “Aveva quella stessa paura che avevo io quando ero in quella casa. Mi sono sentita male io per lei, perché viveva nel terrore“.

Chi è sua sorella?

Barbara Vacchiano è la sorella di Alessandro, nonché “suocera” di Marzia Capezzuti. La verità è emersa grazie alla figlia della donna, Annamaria, 22enne, è stata lei infatti a denunciare i fatti orribili che avvenivano nella casa della sua famiglia. Anche lei, spaventata dalla violenza dei suoi familiari, si è allontanata dall’abitazione, ma con l’intento – purtroppo mai ultimato – di salvare la ragazza tenuta prigioniera.

Ecco la confessione fornita alla Polizia sull’ultimo incontro con Marzia, da parte della nipote di Alessandro Vacchiano:

Anche la figlia della sorella dell’ex fidanzato della Capezzuti ha temuto ripercussioni da parte dei suoi familiari, tanto da aver registrato un’intervista per Chi L’ha Visto, chiedendo però di non mandarla in onda, almeno fin quando sua madre e suo fratello non fossero stati arrestati. Eccone uno stralcio:

La confessione dell’omicidio da parte dei Vacchiano è arrivata proprio grazie ad Annamaria; la figlia della sorella di Alessandro, infatti, ha chiesto a suo fratello minore di fare una videochiamata per tenersi in contatto, con il fine di estorcere dei dettagli su ciò che è avvenuto alla povera Marzia. Nel corso di questa conversazione, il minore parla chiaramente di quello che lui e gli altri familiari hanno fatto alla Capezzuti:

 

Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv.