Antonella Clerici operata d’urgenza per un tumore «Se non fosse stata famosa…»

Antonella Clerici ricoverata e operata d'urgenza dopo il controllo di cisti, rimosse le ovaie: si trattava probabilmente di un tumore

Antonella Clerici ha condiviso con i suoi fan un momento estremamente delicato della sua vita: ricoverata e operata d’urgenza per complicazioni legate a una cisti ovarica, che molto probabilmente si è rivelata essere un tumore, l’amata conduttrice televisiva, ha raccontato la sua esperienza attraverso i social media.

La notizia, arrivata come un fulmine a ciel sereno, ha sorpreso il pubblico che la segue con affetto. L’operazione è stata eseguita presso l’Istituto Tumori Regina Elena di Roma, una struttura rinomata per la sua eccellenza nella cura e nella ricerca oncologica.

Antonella Clerici malattia: cosa è successo? Rimosse le ovaie

Antonella Clerici ha condiviso la sua esperienza attraverso un post su Instagram, accompagnato da una foto che la ritraeva distesa su un letto dell‘Istituto Tumori Regina Elena di Roma. La conduttrice ha raccontato come un semplice controllo di routine per una cisti ovarica si sia trasformato in un vero e proprio “tsunami”. «Giovedì scorso arrivo a Roma con l’idea di stare vicino a un’amica e di andare a Napoli al concerto di Gigi D’Alessio. Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami», ha spiegato Clerici. «Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie», ha scritto, raccontando così di essere stata sottoposta a una ovariectomia.

L’importanza della prevenzione è stata uno dei messaggi chiave del suo post. «Come sempre voglio essere sincera con voi e raccontarvi cosa mi è successo, perché questo possa ricordare a tutti l’importanza della prevenzione», ha dichiarato. Antonella ha espresso la sua gratitudine verso il suo team medico, ringraziando in particolare il suo ginecologo Antonio Tafuri, Adriana Bonifacino e il professor Enrico Vizza.

«Ringrazio nell’ordine degli accadimenti il mio bravissimo diagnosta ginecologo Antonio Tafuri, la mitica Adriana Bonifacino che è stata sempre al mio fianco con dolcezza, fermezza e competenza e affetto. Ultimo ma determinante il Prof Enrico Vizza straordinario professionista, dotato di un’empatia contagiosa. La sua frase prima di entrare in sala operatoria: ‘Stia tranquilla, al resto ci penso io’, non la dimenticherò», ha detto.

L’intervento tempestivo è stato possibile grazie all’eccellenza dell’Istituto Tumori Regina Elena, un centro di riferimento per la diagnosi e la cura dei tumori in Italia.

«Se non fosse stata famosa…»

La condivisione pubblica dell’esperienza di Antonella Clerici ha sollevato una questione importante: quanto la notorietà può influenzare l’accesso e la rapidità delle cure mediche? Un’utente ha espresso il suo dubbio su Instagram, sostenendo che per una persona comune l’accesso a cure così tempestive non sarebbe stato altrettanto rapido.

La risposta della dottoressa Adriana Bonifacino a questo dubbio è stata chiara: «Per quanto mi riguarda non è così. Sono 45 anni di lavoro e posso assicurarle che c’è molta buona sanità. Ho ammesso le difficoltà. Ma ho sempre lavorato in ospedali e ambienti pubblici da 44 anni. Antonella ne parla e parla al cuore delle persone. Ma tanti altri e certamente non per me potrebbero farlo. Noi ci siamo».

Questo scambio evidenzia un tema cruciale: l’equità nell’accesso alle cure sanitarie. Mentre la notorietà di Antonella Clerici potrebbe aver facilitato un accesso rapido alle cure, è essenziale ricordare che molte persone affrontano quotidianamente difficoltà nel sistema sanitario. La dottoressa Bonifacino ha sottolineato l’impegno e la dedizione dei professionisti della sanità pubblica, ribadendo l’importanza della prevenzione e dell’informazione.

Seguici su Instagram