Francesco Totti e il debito milionario con il fisco: ecco cosa è successo e come stanno le cose oggi

Cosa succede tra Francesco Totti e il fisco? Scopri come stanno le cose: i dettagli a seguire nell'articolo

I problemi non finiscono mai: dopo la tremenda crisi con Ilary Blasi, Francesco Totti deve vedersela con il fisco: perché?

Già nel 2023 si era parlato di un debito milionario da parte del Pupone; le prime indiscrezioni erano state diffuse da La Verità: in quell’occasione, il portale aveva evidenziato grandi somme di investimenti perpetrate nelle scommesse online.

Alcune delle operazioni sospette risalgono all’agosto del 2022, anno funesto per Francesco Totti che oltre ai problemi con il fisco ha dovuto anche affrontare la separazione da Ilary Blasi.

Si è parlato di un prestito infruttifero di ben 80mila euro! Questo denaro sarebbe stato inviato al conto di una signora anziana residente ad Anzio, cointestato con la figlia.

Francesco Totti e i problemi con il fisco: cosa è successo?

La figlia della signora che aveva percepito il denaro è una dipendente della Società Sport e Salute controllata dal Ministero dell’Economia. Lo stesso giorno del trasferimento, però, i soldi venivano poi inviati nuovamente al marito dell’anziana donna, anche lui dipendente del Ministero dell’interno, nonché amico di Francesco Totti.

Purtroppo, però, non è finita qui: a quanto pare, sui conti corrente della coppia si susseguivano spesso “bonifici domestici” in favore del marito della signora di Anzio. Ecco cosa riportava La Verità nel 2023: “Bonifici rivenienti da società operanti nel settore delle scommesse online”.

Stiamo parlando delle società Malta limited terrestre, la Malta limited online e la Sa.Pa. Srl. La cifra complessiva raggiunge gli 87mila euro. L’Antiriciclaggio, però, ha portato avanti diverse indagini, constatando che ai due coniugi sarebbero stati inviati oltre 125mila euro nel tempo.

Ancora, poi, sono stati negoziati assegni bancari per un valore di almeno 445mila euro. I due signori, interrogati nell’ambito delle indagini, non avevano fornito all’epoca adeguati chiarimenti che giustificassero le somme percepite. Il nome di Francesco Totti, poi, era comparso nella vicenda giudiziaria dal giugno del 2020.

Il focus sui conti di Totti, poi, aveva visto due soggetti: uno di questi era cointestato con Ilary Blasi e l’altro con Manuel Zubiria Furest, un ex team manager della Roma. Da qui era stato segnalato un fido di ben 2,5 milioni di euro per una ristrutturazione. Successivamente, poi, erano finiti sotto osservazione cinque assegni bancari e un bonifico, intestati alla Société financière et d’encaissement (Sfe) con sede a Monte Carlo per 1,305 milioni di euro.

Nella causale leggiamo: “Finanziare le giornate che il noto personaggio ama trascorrere nella casa da gioco del Principato”. Ancora, poi, era stato notato un bonifico da 300mila euro in favore della United London Services Limited, collegata a un casinò di Londra e un altro da 200mila euro a favore della società Belco, collegata invece a un casinò di Las Vegas.

Le ultime news sul debito milionario

I guai di Francesco Totti con il fisco ammontano a un totale di un milione e mezzo di euro, ma questa volta non c’entrano le scommesse online. Per cinque anni, infatti, l’ex calciatore non avrebbe pagato l’IVA. Le indiscrezioni sono state rese note da Repubblica che suggerisce uno scenario inquietante.

Secondo il giornale, infatti, Totti pagava le tasse dirette che derivavano dai compensi per le pubblicità, le ospitate in televisione e gli spot, ma non aveva aperto la partita IVA. Così facendo, dunque, in 5 anni ha accumulato un debito di oltre un milione di euro! Dal 2018, infatti, finito il suo impegno regolare con il mondo del pallone, il Pupone è diventato testimonial di diversi brand.

Fra questi troviamo Volkswagen, Heineken, Dash, Wind e anche il Lotto. Ancora, poi, ha partecipato a diversi programmi, come ad esempio Celebrity Hunted, Che tempo che fa e molti altri. Questa attività, non più occasionale come un tempo, richiedeva l’apertura di una partita IVA, che però lui non ha mai aperto.

A quanto pare, comunque, quando Finanza e Agenzia delle Entrate hanno bussato alla porta di Francesco Totti, quest’ultimo non si è certo tirato indietro e ha saldato tutto, sanzioni comprese…

Seguici su Instagram