baciare figli sulle labbra

Foto: mammachelibro.com

Basta baciare i propri figli sulle labbra: ecco perché!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono tanti i genitori – sia mamme che papà – che hanno l’abitudine di baciare i propri figli sulla bocca. Il gesto è un atto di amore spregiudicato, di tenerezza, ma andrebbe evitato soprattutto superati i 3 anni di età. Volete sapere qual è il motivo? Continuate a leggere!

Leggi anche: Proteggere sempre i figli è un danno: diventano pessimi adulti

Perché non bisogna baciare i bambini sulla bocca

Daniele Novara nel suo libro L’essenziale per crescere spiega che dopo il primo anno di età inizia una individuale separazione dalla mamma e dal papà; questo favorisce lo sviluppo e la consapevolezza che esiste una grande differenza fra lui e la mamma. Nel secondo anno di vita, invece, il bambino vive scoprendo il proprio corpo: anche se sembrano molto piccoli, in realtà, i bambini in questa fascia d’età spostano la libido su loro stessi anziché sui genitori. Silvia Calvi – seconda mano del libro di Novara – dice:

Ho iniziato a interrogarmi sul significato del bacio sulla bocca da quando mio figlio di quasi 5 anni ha iniziato a volermi baciare sulle labbra per poi dirmi: “ecco, adesso siamo fidanzati”. È ovviamente un gioco innocente, attraverso il quale però, sperimenta anche oltre quali limiti gli sia concesso spingersi. Istintivamente non mi è mai venuto di baciare di proposito i miei figli sulla bocca, sebbene accidentalmente sia capitato. Probabilmente in questo ha influito il fatto che caratterialmente non sono particolarmente espansiva e affettuosa, anche se ovviamente con i miei figli mi sono sciolta parecchio.

Complesso epidico e come combatterlo

Il complesso edipico, nei bambini, si sviluppa proprio intorno ai 4 anni. Più o meno l’età in cui i figli cercano attenzioni di un certo tipo da parte dei genitori. Per questo motivo è necessario evitare di baciare i propri figli sulla bocca durante questa fase della crescita. Per i bimbi, le labbra, sono la zona erogena per eccellenza e – continuando con questa abitudine – si instaurerà nell’infante un’esplicita competizione sessuale nei confronti del padre. Per questo motivo i genitori hanno l’obbligo di imporre un confine oltre il quale non ci si può spingere.

Cosa succede verso i 6 anni

Se – da appena nati fino ai primissimi anni di vita – i bambini vivono in simbiosi con la madre, superati i 5 anni – ed entrando nei 6 – questo non può più essere ammissibile. A partire da questo momento è fondamentale che vostro figlio o vostra figlia acquisisca il concetto di pudore e privacy. Insegnando la riservatezza, i futuri adolescenti vivranno un benessere sessuale garantito. Come si insegna la riservatezza? Semplice! Quando il vostro bambino avrà imparato a lavarsi da solo, è necessario che nel momento in cui si appresta a farlo sia esattamente solo, così come lo siete voi sotto la doccia.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv