Barbara Alberti

Gf Vip, Barbara Alberti senza freni: «Ero imbottita di Lexotan»

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Imprevedibile, fuori dagli schemi, arguta: Barbara Alberti, senza dubbio alcuno, è stata la vera regina della quarta edizione del Grande Fratello Vip. Terminata ormai da qualche tempo l’esperienza nella casa di Cinecittà, ha deciso di raccontarsi senza filtri in una lunga intervista al Corriere.it.

Leggi anche: GF Vip 5, ecco un’altra possibile concorrente: una bionda amatissima

Barbara Alberti si racconta

Non ha peli sulla lingua, è diretta, ha carattere e non teme mai di esporsi: Barbara Alberti, che ha preso parte all’ultima edizione del Gf Vip, la prima condotta da Alfonso Signorini, si è raccontata in una nuova intervista e l’ha fatto, come di consueto, senza filtri. A tale proposito, ha rivelato di invidiare due donne. Ecco di chi si tratta:

Una è Mina: è riuscita a sparire. Se scompare Alberti, se ne accorge solo il gatto. L’altra è Elena Ferrante. A 77 anni io mi sbatto per esistere, lei scrive libri stupendi sotto falso nome. Tanto tempo fa feci lo stesso. Zero copie.

Leggi anche: GF Vip 5: Can Yaman sarà nel cast di Alfonso Signorini?

Ovviamente, uno degli argomenti più caldi dell’intervista è stato proprio il Gf Vip. Ecco cosa ha raccontato Barbara:

Se ho guadagnato bene? Il denaro è stato un movente. Ho un rapporto disastroso con i soldi. In tv mi sono divertita in modo indecente. Reduce da un’aggressione, ero sotto shock. Sono andata lì imbottita di Lexotan. In una notte ho scordato tutto. I miglior compagni di avventura? Rita Rusic. Con lei nella casa c’era famiglia. E anche la vincitrice, Paola Di Benedetto. Non sapevo nulla degli influencer. Il mio mondo è antico, ho il Nokia.

Una donna anticonformista, ribelle, in continua evoluzione. Una donna che ama mettersi in gioco e dire sempre la verità, anche a costo di essere scomoda: Barbara, noi ti adoriamo così come sei!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Adora l'universo femminile e ancora di più quello POP. Gli piace osservare e parlare; non gli piace l'arroganza e la frenesia.