Mauro Coruzzi in arte Platinette

Tommaso Zorzi contro Platinette: «Sputa sulle battaglie che gli hanno permesso di fare il pagliaccio»

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mauro Coruzzi è in arte Platinette e in questo periodo ha spesso parlato delle battaglie della comunità LGBT; proprio la scorsa settimana ha dichiarato che la legge contro l’omofobia sarebbe inutile in quanto andrebbe solamente a ampliare il vittimismo delle persone omosessuali e della comunità tutta. Queste parole hanno fatto infuriare Tommaso Zorzi.

Leggi anche: Pierluigi Diaco: «Non sono gay», la bugia che fa scoppiare il litigio (VIDEO)

Tommaso Zorzi contro Platinette

Ecco le parole di Zorzi:

Ho dovuto aspettare una mezzoretta prima di fare queste storie perché mi sono dovuto calmare altrimenti mi sarei beccato delle denunce se avessi detto quello che penso. Premesso che io aborro il personaggio.
Nessuno della comunità LGBT si sente rappresentato da Mauro Coruzzi Platinette. La cosa che mi fa incazzare è che lui sputa sulle stesse battaglie che gli hanno permesso di andare in tv a fare il pagliaccio. Perché se negli anni 60/70 non ci fossero state battaglie come quella di Stonewall, lui col cazzo che era in tv a fare il clown.

E ancora:

Il prezzo che tu hai deciso di pagare pur di andare in televisione è quello di fare la caricatura dell’omosessuale ed è quanto di peggio tu possa fare per la nostra comunità. Ti dirò che la mia posizione è più scomoda della tua, forse farò meno tv, ma io ho dignità e integrità morale.
Come si fa a dire che noi LGBT facciamo i vittimisti?

Tommaso Zorzi al GF Vip

Nel frattempo, comunque, le preoccupazioni di Zorzi sul suo futuro non dovrebbero frenarlo più di tanto: Tommaso è stato infatti scelto per far parte del cast della prossima edizione del Grande Fratello Vip.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv