nicola tanturli bambino scomparso mugello fratello

Nicola Tanturli, bambino scomparso e ritrovato: era stato rapito? I dubbi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Grande mistero sul caso di Nicola Tanturli, il bambino scomparso di Mugello e ritrovato a diversi chilometri di distanza dalla sua abitazione: possibile che fosse stato rapito? Nicola è davvero uscito di casa da solo nella notte dopo essersi svegliato? O qualcuno si è pentito e ha lasciato il bambino nel bosco? Molti i dubbi e gli indizi che lasciano credere che la verità sia molto più complessa di quella proposta. Molte le dichiarazioni ”particolari” dei genitori. Analizziamo insieme tutte le informazioni in merito.

Leggi anche: Nicola Tanturli: chi è il giornalista che ha trovato il bambino? «Un miracolo» FOTO

bambino scomparso mugello nicola tanturli genitori

Genitori Nicola Tanturli

I genitori di Nicola Tanturli «Non lo abbiamo più trovato nel letto»

Ore di apprensione a Palazzuolo sul Senio, in provincia di Firenze, per Nicola Tanturli, il bambino di quasi due anni scomparso per più di 24 ore: i genitori hanno denunciato la scomparsa del piccolo, nella mattina del 22 giugno.

Non lo abbiamo trovato più nel letto

I genitori precisano che il bambino, nonostante l’età, fosse abituato ad essere ”autonomo”: saprebbe aprire e chiudere le porte e si muoverebbe con abilità. La ricostruzione al limite delle possibilità è quindi che Nicola Tanturli, svegliatosi nel suo lettino, si sia alzato, abbia aperto la porta e iniziato a camminare al di fuori della sua casa. Fino a raggiungere il luogo in cui è stato ritrovato, ricordiamo a diversi chilometri di distanza. Poi si sarebbe fermato non sapendo più come tornare indietro e debilitato dalle ore in ”cammino”.

Dove è stato ritrovato?

Il bambino di Mugello scomparso, Nicola Tanturli, è stato ritrovato nella mattina del 23 giugno, a circa 1 ora e mezza di distanza dalla propria casa: l’ipotesi proposta è che il bambino scomparso abbia camminato per quasi tre chilometri.

Bambino scomparso di Mugello: cosa è successo davvero? Dubbi sulle scarpe

I dubbi sulla ricostruzione del caso di Nicola Tanturli, il bambino scomparto e ritrovato di Mugello, sono molti. Primo dubbio sollevato riguarda le scarpe del bambino. Nicola, infatti, quando è stato ritrovato indossava le sue scarpette.

Come mai il bambino era stato messo a letto ancora con le scarpe? Il padre ha risposto al quesito, giustificando la scelta della moglie. La mamma di Nicola, per evitare di svegliare il figlio, addormentatosi per un ”pisolino” avrebbe preferito non sfilargli le scarpe per evitare che si svegliasse.

Ma un altro dubbio riguarda proprio le scarpe del bambino che, come si evince dalla foto, nonostante i chilometri percorsi in pieno bosco risulterebbero fin troppo pulite.

bambino mugello scomparso ritrovato nicola tanturli rapito scarpe

Le dichiarazioni del giornalista che lo ha ritrovato: «Era pulito e seminudo»

Il giornalista de La Vita in Diretta che lo ha ritrovato ha fatto delle dichiarazioni importanti, sulle condizione del bambino scomparso, durante la puntata di Chi l’ha Visto: Nicola Tanturli, infatti, nonostante, le notti nei boschi era ”pulito” e non aveva i suoi pantaloni e le mutandine:

Era pulitissimo anche se è stato due notti nel bosco, ed era seminudo

La conduttrice Federica Sciarelli si è quindi chiesta:

Avrà fatto i bisogni da qualche parte? Come faceva ad essere così pulito senza tracce di pipì o cacca?

I genitori hanno dato l’allarme dopo 9 ore

Giuseppina e Leonardo Tanturli, i genitori di Nicola, si sono accorti della scomparsa del bambino dopo cena, ma non si sono affrettati a lanciare l’allarme per ritrovarlo. Il bambino si era addormentato nel suo letto intorno alle 19:00 e qualche ora dopo, non c’era più. L’allarme ai carabinieri, però, viene dato la mattina, 9 ore dopo. Questa la spiegazione del papà:

Mentre lo cercavamo la prima notte lo abbiamo sentito piangere a poche centinaia di metri, speravamo di trovarlo. Abbiamo fatto un errore a non dare subito l’allarme

Cosa è successo veramente?

La Procura di Firenze, nonostante non siano state riportate delle nuove ipotesi e ricostruzioni ufficiali su quanto accaduto al bambino, ha comunque aperto un’inchiesta, senza indagati, e fa sapere che sono in corso gli accertamenti preliminari.

E voi cosa ne pensate? Restate aggiornati con DonnaPOP per scoprire in anteprima tutte le news in merito!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Figlia degli anni Novanta, cresciuta negli anni Zero. Risultato? Un ibrido, a tre schermi e più tastiere, ma con le radici di carta. Appassionata di Gossip, Moda e Spettacolo.