Junior Cally, dopo la riabilitazione: «Vi racconto la mia dipendenza»

Junior Cally è tornato sui social dopo il suo mese di riabilitazione in clinica: leggi le parole inedite del rapper!

Junior Cally qualche settimana fa ha aperto il cuore ai suoi fan e si è raccontato in maniera del tutto inedita: il cantante ha ammesso di soffrire di un disturbo ossessivo compulsivo e di avere dipendenze di vario genere. Proprio per questo motivo Cally ha scelto di affidarsi alla terapia e di farsi ricoverare per un mese; ora – dopo esser uscito dalla clinica di riabilitazione – ha finalmente ripreso il contatto con i suoi fan annunciando il suo ritorno. Cosa è successo al rapper?

Leggi anche: Valentina Dallari shock: «Junior Cally è sparito, non lo sento da un mese»

Junior Cally parla della sua dipendenza

Junior Cally ha finalmente ripreso possesso del suo telefono e ha avuto modo di parlare con i suoi fan tramite Instagram; il rapper ha spiegato ai followers cosa sta vivendo in questo momento, ammettendo le sue debolezze. Tramite una story, poi, ha fatto sapere che il primo incontro uscito dalla clinica lo ha fatto ovviamente con i suoi familiari: prima i genitori e poi suo fratello, che fa il tatuatore. Il ragazzo ha inciso sulla sua pelle un simbolo monito di questo particolare periodo.

junior cally

Foto: @juniorcally [IG]

Junior ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera parlando proprio delle sue dipendenze. Di seguito le sue parole:

Sto bene e sono rientrato a casa da qualche giorno. Sono state settimane intense a chiusura di un percorso iniziato mesi fa. Sapevo che sarebbe stata dura e ora è il momento più difficile, stare in mezzo alla gente e riuscire a combattere ogni volta che la tentazione ti tende la mano. In questo spazio, nel mio pezzetto di questo buco nero chiamato Instagram, non c’è mai stato posto per l’ipocrisia, solo per la verità anche quando è dura. Ma se vorrete ascoltarmi, allora ne sarò felice, perché se c’è una cosa che ho imparato in questi mesi è il potere della condivisione. E la forza della sincerità. Condividere è prendersi cura.

Ancora, poi, Junior Cally ha parlato senza filtri del suo mese di riabilitazione:

Ho iniziato un percorso di psicanalisi, meditazione, yoga e mi sono reso conto di cosa perdevo quando già prima di pranzo iniziavo col vino e, la sera, dopo altre tre bottiglie di rosso, passavo a grappa, amari, fino a svenire. In rehab , ho scoperto il sapore del caffè la mattina senza postumi della sbornia. Ci sono ancora momenti bui, quelli in cui mi dico: voglio bere. E quelli in cui mi vengono in mente cose di quand’ero piccolo, del perché sto così. Credo che bevo per anestetizzarmi, per insicurezza. L’alcol mi fa sentire forte, mi fa evadere dal Doc di cui soffro da quando ho 18 anni.

Poi Junior continua dicendo di essere dipendente anche dal sesso:

La situazione è peggiorata col lockdown. Ho sempre bevuto, ma lì ho aumentato. La mattina, non mi ricordavo che avevo fatto il giorno prima, tremavo, il Doc era amplificato, le insicurezze prendevano il sopravvento. C’entrava l’alcol: la sera, vai a letto con una; il giorno dopo, conosci un’altra a pranzo e pure ci vai a letto… Sono andato avanti così per quasi un anno. A primavera, con lo psicologo, mi sono detto: perché devo cercare conferme col sesso? Non mi serve questo scudo da rockstar.

I fan ora si chiedono se Junior Cally sia riuscito davvero a guarire da tutte le sue dipendenze, anche se certamente il percorso è solamente all’inizio e di strada da fare ce ne sarà ancora tanta. Noi di DonnaPOP facciamo al rapper i più sentiti auguri e un grande in bocca al lupo! Forza!

Ci segui già su Instagram? Clicca QUI per rimediare!