Amadeus e la dedica dei suoi genitori: «Non siamo degni di te»

Amadeus ha ricevuto una tenerissima dedica dai suoi genitori. Il Rai e del Festival di Sanremo ne ha parlato nella sua ultima intervista.

Amadeus ha ricevuto una tenerissima dedica dai suoi genitori. Il volto di punta della Rai e del Festival di Sanremo ne ha parlato nella sua ultima intervista a Sette.

Leggi anche: Sanremo 2023: il figlio di Andrea Bocelli verso il cast di Amadeus, chi è?

Amadeus parla dei suoi genitori

A Sette, Amadeus si è raccontato a tutto tondo: il conduttore ha parlato anche del rapporto con i suoi genitori e  ha svelato dettagli inediti circa la sua vita privata. Ecco le sue parole:

Mio papà era istruttore di equitazione, mia mamma casalinga e hanno girato l’Italia. Dalla Sicilia si sono trasferiti a Ravenna dove sono nato io, poi a La Spezia. Infine a Verona, dove sono cresciuto.

Amadeus si è fatto tutto da solo e la sua gavetta è durata moltissimo tempo: il suo percorso è iniziato in radio, fino poi all’approdo in televisione.

La dedica

Oggi Amadeus raccoglie i frutti della sua determinazione ed è l’orgoglio dei suoi genitori. Dopo il Festival di Sanremo 2022, la coppia ha espresso la propria stima nei confronti di loro figlio:

Si sono commossi. Mia madre mi ha scritto un messaggio che mi ha strizzato il cuore. Mi hanno detto: “Non siamo degni di essere i tuoi genitori”. Ho risposto: “Non lo dovete dire neanche per scherzo”. Loro stanno sempre in un angolo, non sono molto presenti, sono timidi. Mio padre poi è un uomo molto severo, molto forte caratterialmente, poco espansivo. Loro hanno fatto una cosa molto importante per me, non mi hanno mai ostacolato. Negli Anni 70 sentire che tuo figlio faceva il dj era come dire che era un drogato. Tante volte glielo hanno chiesto e non si sono mai vergognati. All’epoca per un ragazzo come me era impensabile fare la televisione. Avevo due genitori che non c’entravano niente col mondo dello spettacolo, io non conoscevo nessuno, non ero figlio d’arte. Le mie probabilità non erano una su mille, ma una su un milione. Però ce l’ho fatta.

Seguici su Instagram cliccando QUI!