Mikhail Gorbaciov morto: chi era e cosa ha fatto? Biografia e carriera

Mikhail Gorbaciov è morto il 30 agosto 2022 dopo una lunga malattia. La sua biografia e i tratti salienti della sua carriera. Leggiamo!

L’ultimo segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica, Mikhail Gorbaciov, è morto il 30 agosto 2022 dopo una lunga malattia. La sua biografia e i tratti salienti della sua carriera. Leggiamo all’interno!

Leggi anche: Mikhail Gorbaciov: chi era, cosa ha fatto, età quando è morto, causa morte, malattia, moglie, figli, carriera, dove viveva

Mikhail Gorbaciov morto: chi era e cosa ha fatto?

Mikhail Gorbaciov o Gorbachev, traslitterazione del nome russo Michail Sergeevič Gorbačëv,  è morto il 30 agosto 2022, all’età di 91 anni.

È stato l’ultimo segretario generale del Partito comunista dell’Unione Sovietica dal 1985 al 1991. Durante la sua carriera politica ha sostenuto e promosso i processi di riforma del comunismo con l’intento di farlo diventare un sistema socialdemocratico. A lui dobbiamo termini come perestrojka (ristrutturazione) e glasnost’ (trasparenza) che hanno caratterizzato la sua attività politica, rendendolo protagonista nella successione di eventi storici e politici che hanno portato alla dissoluzione dell’URSS e alla riunificazione della Germania, nonché  artefice della fine della guerra fredda.  Nel 1989 è stato insignito della Medaglia Otto Hahn per la Pace e, nel 1990, del Nobel per la pace.

Biografia e carriera

Il politico e statista sovietico Michail Sergeevič Gorbačëv è nato il 2 marzo 1931 da una famiglia di agricoltori nel villaggio di Privolnoye – Territorio di Stavropol – nel sud della repubblica russa.

Nel 1950 consegue il diploma ottenendo una medaglia di argento, Successivamente è ammesso all’Università Statale di Mosca dove frequenta la facoltà di Legge. Consegue la laurea nel 1955 e segue anche dei corsi per corrispondenza presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Stavropol e nel 1967 consegue anche una laurea in Economia agraria.

Da studente universitario Mikhail Gorbaciov si iscrive al Partito Comunista dell’Unione Sovietica.

Nel 1970 viene eletto Primo Segretario del Comitato del Partito nel Territorio di Stavropol: è l’incarico di massima responsabilità della zona.

Nello stesso anno diviene membro del Comitato Centrale del PCUS (Partito Comunista dell’Unione Sovietica). Nel 1978 diventa uno dei Segretari e si trasferisce a Mosca.

Nel marzo del 1985 Mikhail Gorbaciov viene eletto Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito e avvia il processo di cambiamento dell’Unione Sovietica che più avanti sarà definito perestroika.

Il 15 marzo 1990 il Congresso dei rappresentanti del popolo dell’URSS elegge Gorbaciov Presidente dell’Unione Sovietica.

L’11 ottobre 1986 Gorbaciov incontra il presidente americano Ronald Reagan a Reykjavík, in Islanda, per discutere la riduzione degli arsenali nucleari installati in Europa. Si tratta di uno dei momenti fondamentali della carriera di Gorbaciov. Nel 1987 firma del Trattato INF sulla eliminazione delle armi nucleari a raggio intermedio in Europa.

Il 25 dicembre 1991 Gorbaciov rassegna le sue dimissioni da Capo dello Stato.

Al momento del decesso, nella notte tra il 30 e il 31 agosto 2022, Mikhail Gorbaciov era a Mosca.

Segui DonnaPOP su Instagram cliccando QUI!