Ema Stokholma era un uomo? L’assurda domanda invade il web! Ecco tutta la verità: FOTO da bambina, famiglia d’origine, madre, padre, fratello

Ema Stokholma era un uomo? Sul web impazza questa domanda impertinente, ma perché? Chi è la sua famiglia d'origine?

Ema Stokholma era un uomo? Questa domanda (assurda e immotivata) ha letteralmente invaso il web, ma cosa c’è di vero?

Leggi anche: Paola Barale: età, luogo e data di nascita, fidanzato oggi, Alessandro Carollo, ex compagno, marito Gianni Sperti, figli, carriera, che fa ora, dove vive, patrimonio, Marco Bellavia, Madonna, Instagram

Ema Stokholma era un uomo?

La risposta è no! Ema Stokholma non era un uomo: la dj è nata a Romans-sur-Isère, in Francia, il 9 dicembre del 1983 e oggi ha 38 anni.

Famiglia d’origine

Ema Stokholma è di origini francesi ma ha cittadinanza italiana. I suoi genitori, un ragazzo italiano e una giovane donna francese di nome Dominique, non avevano un relazione stabile.

Madre

Ema Stokholma è rimasta a vivere con sua madre, mentre suo padre è tornato in Italia. Le due non hanno mai avuto un buon rapporto. La dj ha più volte raccontato di essere stata vittima, sin da quando era piccola, di atti violenti da parte di sua mamma. In un’intervista del 2018 a Vieni da me, il talk show condotto da Caterina Balivo ha raccontato:

Tornavo a casa e ci picchiava. Credo che lei non stesse bene. Non c’è mai stato nessun aiuto psicologico e nessuna diagnosi. Aveva molti problemi mentali. Le dava fastidio anche la mia fisicità. Mi svegliavo, si svegliava e magari diceva che avevo gli occhi strani e partivano le botte. Non riuscivo mai a parlare con lei, lei sembrava quasi che non capisse. Per lei quello che accadeva semplicemente non accadeva. Era molto spiazzante. Ce l’aveva anche con mio fratello, ma lo faceva sempre da separati. Faceva in modo che non lo sapessimo, ma sapevo quando toccava a mio fratello e tiravo un sospiro di sollievo quando toccava a lui.

vieni-da-me-ema-stokholma-

Fonte: Vieni da Me

Ema ha scritto anche un libro dal titolo Per il mio bene edito nel 202o: si tratta di un viaggio a ritroso nella memoria in cui la scrittrice ripercorre i momenti più drammatici della sua infanzia. Su sua madre, poi, la Dj ha detto:

La fortuna è stata che mia madre mi accusava di cose talmente assurde che io capivo che non ero io il problema. Mi accusava di andare a letto con mio padre. Avevo la consapevolezza che non ero io il problema, la salvezza è stata anche un po’ questa, l’avere la consapevolezza che non ero io in colpa.

Padre

A 15 anni, Ema Stokholma è scappata di casa per raggiungere l’Italia e suo padre. Ecco cosa ricorda di quei momenti:

Ho preso un treno da Parigi a Roma, e ho visto il sole, ho visto Roma. Avevo rubato i soldi a mia madre, organizzato la cosa, e sono andata, senza un piano effettivo. Antonio, mio padre, mi ha accolto bene, ma è stato difficile, non puoi costruire un rapporto dal nulla a quindici anni. Ho provato a dirgli cosa mi aveva fatto mia madre, ma non ho avuto un gran riscontro.

Fratello

Non sappiamo molto del fratello di Ema; i due hanno un forte legame, ma da quello che ci risulta, il ragazzo vive ancora oggi in Bretagna. La Dj, ospite di Oggi è un altro giorno, ha parlato a lungo della sua famiglia e di seguito vi lasciamo un video in cui si racconta:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Oggi è un altro giorno (@altrogiornorai1)

Seguici su Instagram cliccando QUI!