Aaron Carter come è morto: è stato ucciso? Il fratello Nick rompe il silenzio

Aaron Carter come è morto: il fratello di Nick dei Backstreet Boys è stato ucciso? La verità e i dettagli sulla causa della morte

Il corpo di Aaron Carter è stato trovato senza vita nella vasca da bagnodopo una misteriosa segnalazione è arrivata sul posto la squadra omicidi; le domande e i dubbi su come è morto il fratello di Nick Carter, quindi, sono iniziati a circolare sul web e sulle testate dei giornali di tutto il mondo: il 34 enne è stato ucciso? Scopriamo tutti i dettagli.

Leggi anche: Jerry Lee Lewis morto a 87 anni: chi era la leggenda del Rock&Roll? Le sette mogli, figli, scandali, vita privata, carriera

Aaron Carter morto a 34 anni: cosa è successo?

Domenica 6 novembre 2022 è arrivata la notizia della morte di Aaron Carter. Il cantante aveva solo 34 anni ed è stato trovato senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione a Lancaster.

Fonti appartenenti alle forze dell’ordine avrebbero riferito a TMZ di avere ricevuto una chiamata intorno alle 11 di sabato 5 novembre, riferendo che un uomo sarebbe annegato in una vasca. Sul posto, quindi, sarebbero intervenuti gli agenti della squadra omicidi.

Aaron Carter è stato ucciso?

La presenza degli agenti della squadra omicidi ha immediatamente istillato il dubbio sulla modalità della morte. Secondo quanto riportato da TMZ, però, si tratterebbe di una procedura standard. Sul posto, inoltre, non sarebbero stati ritrovati segni di violenza. 

Aaron Carter di cosa è morto? Cause morte:  «Dipendenze e malattia mentale»

Il fratello Nick Carter, cantante dei Backstreet Boys, ha rotto il silenzio e ha commentato sui social la morte di Aaron. Tra i due fratelli c’era un rapporto burrascoso, ma la tragedia ha colpito molto il cantante.

Negli ultimi anni, il rapporto tra i due era diventato conflittuale, ma senza che il legame si spezzasse mai del tutto. Nick Carter ha espresso il dolore che sta provando e ha pubblicato una serie di foto di famiglia che lo ritraggono con il fratello:

Ho il cuore spezzato. Anche se mio fratello e io avevamo un rapporto complicato, il mio amore per lui non si è mai affievolito. Ho sempre tenuto viva la speranza che in qualche modo, un giorno, avrebbe deciso di percorrere un sentiero sano e avrebbe trovato l’aiuto di cui aveva disperatamente bisogno.

Infine, Nick Carter ha spiegato che è inutile cercare dei colpevoli per provare ad alleviare la sofferenza. La causa della morte di Aaron Carter va cercata nel suo passato di dipendenze e di problemi di salute mentale. Carter ha concluso così:

A volte vogliamo incolpare qualcuno o qualcosa per una perdita, ma la verità è che la dipendenza e la malattia mentale sono i veri cattivi di questa storia.

Mio fratello mi mancherà più di quanto possiate immaginare.

Ti amo Chizz. Ora puoi finalmente avere la pace che non avresti mai potuto trovare qui sulla terra… ti amo fratellino.

In attesa di nuove informazioni restate aggiornati anche con la pagina Instagram di DonnaPOP per scoprire in anteprima tutte le news in merito.