Andrea Piazzolla, chi è l’assistente di Gina Lollobrigida?

Cosa è successo fra Andrea Piazzolla e la famiglia di Gina Lollobrigida? L'assistente dell'attrice è stato accusato di...

Andrea Piazzolla è stato l’assistente personale di Gina Lollobrigida; l’uomo è finito anche in un’aspra battaglia legale con il figlio e il nipote dell’iconica attrice. Perché?

Leggi anche: Gina Lollobrigida e il rapporto burrascoso con il figlio Andrea: «Ho denunciato mia madre», ecco il motivo

L’assistente della Lollobrigida è stato con lei dai primi anni del Duemila fino alla fine, ma cosa sappiamo di lui?

Età

Andrea Piazzolla è nato nel 1987 e oggi ha 36 anni. È stato l’assistente personale e il segretario dell’ormai defunta Gina Lollobrigida. Successivamente è divenuto amministratore unico della società Vissi d’Arte, arrivando a gestire tutti i bene dell’attrice.

Moglie e figlia

Andrea Piazzolla, nel 2015, è andato a vivere a casa di Gina, la quale ha sempre dichiarato di vederlo come un vero e proprio figlio. Insieme a lui, poi, si è trasferita anche la fidanzata Adriana. Nel maggio del 2020 la coppia ha avuto una bambina che è stata chiamata come l’attrice; tutti e tre hanno vissuto insieme alla Lollobrigida come una vera e propria famiglia.

Genitori

Non sappiamo chi siano i genitori di Andrea Piazzolla.

Curriculum

Non abbiamo notizie su cosa facesse prima di diventare l’assistente personale di Gina Lollobrigida.

La guerra legale

Nel corso degli anni, Piazzolla è stato accusato spesso dalla famiglia dell’attrice, in particolare da suo figlio Andrea Milko Skofic e da suo nipote Dimitri. Secondo questi due, infatti, l’assistente della Lollobrigida avrebbe circuito la donna per impossessarsi dei suoi beni e dei suoi soldi. Ancora oggi pende su Andrea Piazzolla un’accusa per circonvenzione di incapace; in merito a questa situazione, però, proprio la diretta interessata ne aveva parlato nello studio di Domenica In:

ùPer me è come un figlio, mi ha aiutata ad andare avanti. Sua figlia Gina si chiama come me, è una tigre. Andrea non ha mai sbagliato. È una persona brava e sta avendo dei guai terribili. La vita è mia e io decido cosa farne. Fare dei regali ad Andrea e la sua famiglia è una cosa che riguarda me, e nessun altro.