Caterina Shulha, chi è l’attrice che fa Irene in Black Out – Vite sospese?

Arrivata in Italia molto giovane, Caterina Shulha grazie a talento e determinazione è riuscita a sfondare nel mondo della recitazione

Caterina Shulha è l’attrice di origine bielorussa che interpreta il ruolo di Irene in Black Out – Vite sospese. Di seguito scopriamo alcuni dettagli, sia della sua vita professionale sia di quella privata.

Leggi anche: Alessandro Preziosi ieri e oggi: età, fidanzata, ex moglie, Vittoria Puccini, figli, film, Instagram

Elegante, bellissima e di classe, l’attrice Caterina Shulha è nata in Bielorussia e si è trasferita a Roma all’età di dodici anni, nel 2006. Ha vissuto a Ostia con la mamma, maestra d’asilo e insegnante di pianoforte, dove ha frequentato il linguistico e un laboratorio teatrale. La sua carriera nel mondo dello spettacolo è iniziata come come modella, per poi proseguire come attrice, prima a teatro, poi al cinema e in televisione, entrando nel cast di produzioni importanti, tra cui Immaturi – Il viaggio, regia di Paolo Genovese (2012).

Nel cast di Black Out – Vite sospese, il nuovo mistery-drama di Rai 1 ambientato in un lussuoso albergo del Trentino, Caterina Shulha veste i panni di Irene, la giovane infermiera dell’est Europa e nuova compagna di Marco. Grazie alle sue conoscenze mediche si rivela un prezioso sostegno per tutto il gruppo di sopravvissuti. Tuttavia, nasconde un lato oscuro, forse legato all’inconfessabile segreto di Giovanni Lo Bianco, alias Alessandro Preziosi, distinto uomo d’affari, nonchè vedovo, in vacanza con i suoi figli.

Età

Caterina Shulha ha 30 anni: è nata a Hrodna, in Bielorussia, il 10 gennaio 1993, sotto il segno zodicale del Capricorno.

Marito e fidanzato: Marco Belardi

Si chiama Marco Belardi il compagno di vita della bellissima attrice bielorussa, con cui sta insieme da circa dodici anni. Lui è un apprezzato produttore cinematografico e fa parte della società Leone Film Group. Nella sua carriera ha prodotto diversi lavori di grande successo, sia nel grande schermo sia in televisione, tra cui Immaturi (2011) e Perfetti sconosciuti (2016), film entrambi diretti da Paolo Genovese, entrati nella storia del cinema italiano per i grandi consensi di pubblico e critica ricevuti.

Figli di Caterina Shulha

Dal legame con il produttore Marco Belardi ha avuto tre figli: Lorenzo (2017) e le gemelle Nina e Futura (2020).

Film interpretati da Caterina Shulha

Dopo essere stata al fianco di Margherita Buy e Valeria Golino in La vita possibile, nel doppio ruolo di lap dancer e moglie di Reitani, in Squadra antimafia – Il ritorno del boss, nella divisa di Marion nella sitcom Talent High SchoolIl sogno di Sofia e nei panni di Natasha di Un passo dal cielo, è entrata nel cast di Hotel Gagarin, regia di Simone Spada (2018).

I suoi ultimi lavori al cinema sono stati: The Land of Dreams, regia di Nicola Abbatangelo (2022), Ipersonnia, regia di Alberto Mascia (2022) e La ballata dei gusci infranti, regia di Federica Biondi (2022).

Spot con Caterina Shulha

Nella carriera della bellissima Caterina ci sono anche alcuni spot pubblicitari diventati parecchio popolari. Abbiamo visto, infatti, l’attrice bielorussa nella pubblicità delle Dietorelle Sperlari (2013) e in quella delle Dietorelle. È anche la protagonista, inoltre, della versiona polacca di Nestlé Princessa (2013).

Curiosità sull’attrice che interpreta Irene in Black Out – Vite sospese

Quattro curiosità su Caterina Shulha? Eccole:

  • il suo nome vero è Katsiaryna Shulha;
  • quando è arrivata in Italia, all’età di dodici anni, non conosceva la lingua italiana, sapeva dire soltanto buongiorno e dov’è il bagno?;
  • è molto legata alla Bielorussia, sua terra natale;
  • attiva sul fronte politico, dalla parte di Svetlana Tikhanovskaya, oppositrice di Aleksandr Lukashenko, a capo del governo bilorusso, ha sviluppato vari progetti di protesta, tra cui Insultati, un documentario girato durante la pandemia; per tale lavoro è segnata negli elenchi di quelli che, se sbarcassero a Minsk, la capitale della Bielorussia, sarebbero trascinati a rispondere delle proprie azioni.