Calo del desiderio sessuale: quali possono essere i motivi? E quali le soluzioni?

Cosa fare in caso di calo del desiderio sessuale? Innanzi tutto bisogna individuarne le cause: leggi i dettagli a seguire nel nostro articolo

La perdita del desiderio sessuale è un problema piuttosto comune che può affliggere sia l’uomo che la donna. Perché accade? E in che modo si può risolvere? Scopriamolo insieme!

Cos’è il calo del desiderio sessuale?

Il calo del desiderio è una condizione, spesso transitoria, caratterizzata da una riduzione più o meno marcata dell’interesse nei confronti del sesso. Alcune volte è riconducibile allo stress, alla depressione o ad eventi che cambiano la vita, come la gravidanza, il parto, una malattia o la morte di una persona cara.
Benché considerata in alcuni casi fisiologica, una perdita inaspettata della libido – quando ricorrente o protratta nel tempo – può indicare un problema fisico o psicologico che, in una relazione, può spesso diventare un ostacolo per la felicità di entrambi i partner.
Se il calo del desiderio sessuale ti preoccupa e influisce negativamente sulla tua vita di coppia, potrai rivolgerti al tuo medico curante, oppure potrai fissare un consulto presso uno psicologo. Nel frattempo qui troverai tutte le informazioni per capire meglio quelle che sono le cause del calo della libido e le possibili soluzioni.

Cause del calo della libido

Problemi di relazione

I problemi di coppia sono tra le cause più comuni del calo del desiderio sessuale. Perciò, per prima cosa si dovrebbe considerare se nella propria relazione di coppia si è pienamente appagati. Anche una relazione di lunga data può essere caratterizzata da una certa insoddisfazione erotica. Infatti, la routine e l’affievolirsi della passione possono determinare un drastico calo del desiderio sessuale. In questo caso sarà fondamentale la comunicazione tra i partner, che dovranno affrontare in modo sincero e aperto le loro emozioni. Di grande aiuto potrà essere anche la terapia di coppia.

Disfunzione erettile e vaginismo

Un’altra causa del calo della libido sono i cosiddetti problemi da prestazione. Questi, infatti, possono rendere insoddisfacente il sesso. Ad esempio, molti uomini lamentano disfunzione erettile e problemi di eiaculazione, mentre le donne possono sperimentare rapporti dolorosi causati da vaginismo o secchezza vaginale. Se ti affliggono questi problemi, non disperare! Si tratta di disturbi spesso perfettamente curabili. Anche in questo caso, il medico potrebbe consigliare una consulenza presso un terapista di coppia. In questo modo tu e il tuo partner potrete discutere di eventuali blocchi emotivi che contribuiscono al calo della libido.

Depressione

Depressione non significa semplicemente sentirsi infelici, stufi o insoddisfatti per un breve periodo. Essa, infatti, è una malattia grave caratterizzata da sentimenti di estrema tristezza che durano a lungo. Questo stato d’animo può andare ad interferire con la vita di tutti i giorni e con la propria sessualità.

Se ti senti sempre giù o se hai perso interesse nel fare le cose che prima amavi, probabilmente anche la tua vita sessuale ne risentirà. In questo caso, un consulto medico potrà guidarti verso quelle che saranno le mosse giuste per affrontare la depressione in modo efficace. Nei casi più severi vengono prescritti degli antidepressivi associati ad un percorso di psicoterapia.

Alcune volte, però, il calo del desiderio sessuale può essere un effetto collaterale proprio degli antidepressivi. Se stai già assumendo antidepressivi e pensi che questi possano essere la causa dei tuoi problemi sessuali, parlane con il tuo medico curante. Questo potrà cambiare dosaggio o farmaco.

Stress e ansia

Anche stress, ansia ed esaurimento nervoso possono avere un impatto negativo sulla sfera sessuale. Se ti senti costantemente sotto pressione, o se l’ansia ti angoscia, dovrai affrontare il problema su più fronti. Oltre a cambiare ritmi e stile di vita, potrai trovare giovamento da attività come lo yoga e la meditazione. Anche in questo caso potrebbe essere utile contattare il proprio medico in modo da pianificare una strategia mirata ed efficace, soprattutto nel caso di stress post traumatico o stati ansiosi che sfociano in attacchi di panico.

Abuso di alcol e droghe

Consumare quantità eccessive di alcol può ridurre drasticamente il desiderio sessuale. Quindi, meglio moderare l’assunzione, anche perché – come dimostrato da recenti studi – l’alcol sembra avere effetti cancerogeni sul nostro organismo. Anche l’abuso di droghe è strettamente legato alla perdita del desiderio sessuale. Se non riesci a smettere di bere o di usare droghe rivolgiti subito a strutture riabilitative idonee al tuo problema.

Età

Molte persone perdono interesse per il sesso man mano che invecchiano, principalmente a causa della diminuzione dei livelli di ormoni sessuali, dei problemi di salute legati all’età o degli effetti collaterali dei farmaci. Soprattutto gli uomini anziani, possono sviluppare livelli di testosterone piuttosto bassi, che causano affaticamento, depressione e riduzione della libido. Il tuo medico potrà eseguire un esame del sangue per verificare il livello di testosterone e per proporre eventuali trattamenti.

Problemi ormonali

Alcune volte un abbassamento del desiderio sessuale può essere causato da una tiroide ipoattiva. Questo accade quando la ghiandola tiroidea (situata nel collo) non produce abbastanza ormoni. Alcuni tra i segni comuni di una tiroide ipoattiva sono: stanchezza, crampi muscolari, alopecia, difficoltà di concentrazione e rendimento scarso. Dopo aver eseguito delle analisi specifiche, il tuo medico potrà verificare la funzionalità della tua tiroide e, in base ai risultati, decidere quali provvedimenti prendere in considerazione.

Assunzione di farmaci

Alcuni farmaci possono ridurre la libido in modo più o meno marcato. Tra questi vi sono:

  • Diuretici e farmaci per l’ipertensione
  • Antidepressivi
  • Antiepilettici
  • Antiacidi e medicinali contenenti Cimetidina
  • Farmaci antipsicotici contenenti Aloperidolo
  • Inibitori del testosterone (Finasteride), utilizzati per contrastare l’alopecia androgenetica e per trattare alcune malattie della prostata.

Anche in questo caso evita il fai da te e rivolgiti al tuo medico di famiglia. Se pensi che i farmaci che stai assumendo siano responsabili della riduzione del tuo desiderio sessuale, questi potranno essere cambiati con un farmaco diverso che presenta meno probabilità di influenzare la tua libido.

Contraccettivi

Alcune donne lamentano una diminuzione del desiderio sessuale dopo aver iniziato ad assumere un contraccettivo ormonale come, ad esempio, la pillola combinata, la pillola a base di solo progestinico, l’anello vaginale, il cerotto contraccettivo o l’impianto contraccettivo. Generalmente, questi contraccettivi sono ben tollerati, e i loro effetti collaterali sulla libido tendono a migliorare entro pochi mesi dalla prima assunzione. Tuttavia, parla con il tuo medico curante o con la tua ginecologa se pensi che il contraccettivo che stai assumendo stia causando un evidente calo del desiderio sessuale. Se dopo alcuni mesi di utilizzo la situazione dovesse rimanere invariata, allora ti verrà consigliato di provare un metodo alternativo.

Condizioni mediche croniche

Anche alcune condizioni mediche a lungo termine possono alterare il desiderio sessuale. Oltre alle malattie cardiovascolari, il diabete e l’obesità, possono avere un effetto negativo sulla libido anche:

  • Apnee notturne
  • Cirrosi
  • Ipertiroidismo
  • Ipotiroidismo
  • Morbo di Hashimoto
  • Cancro.

Conclusione

Il sesso rappresenta un aspetto piacevole della nostra vita. Purtroppo, alcuni eventi e certi stati emotivi, quali ansia e stress, possono influenzarlo negativamente. Anche alcune malattie possono ridurre drasticamente il nostro desiderio sessuale, con ripercussioni importanti nella vita di coppia. Ma soffrire di una malattia cronica non significa rinunciare al sesso! Trova un po’ di tempo per affrontare il problema, coinvolgendo partner e medico curante. Solo così la soluzione potrà essere studiata su misura per il tuo problema, in modo efficace e risolutivo.