Gina Lollobrigida eredità, Piazzolla rinuncia alla sua metà «Lei non voleva dare soldi al figlio»

Colpo di scena sul patrimonio di Gina Lollobrigida, il testamento svela che l'eredità sarà divisa tra Piazzolla e il figlio Milko, ma...

Un colpo di scena inaspettato è saltato fuori durante l’intervista di Andrea PiazzollaLa Vita in diretta, in merito alla chiacchieratissima eredità di Gina Lollobrigida: l’assistente della compianta attrice è stato designato come erede di metà del patrimonio, ma ha deciso di rinunciarvi.

Leggi anche: Gina Lollobrigida, scatta la rissa dopo la morte: tutta colpa del patrimonio?

L’altra metà del patrimonio milionario della bersagliera è stato ereditato, invece, dal figlio Milko. Nonostante, secondo quanto riferisce Piazzolla, la donna non avesse alcuna intenzione di inserirlo nel testamento.

Testamento: cosa faranno con i soldi?

Il notaio Barbara Franceschini durante la mattina del 24 gennaio 2023, ha conseguito l’apertura del testamento di Gina Lollobrigida e ha reso nota la spartizione del patrimonio dell’attrice: una metà è andata al suo storico assistente Piazzolla, mentre l’altra metà è stata assegnata al figlio Andrea Milko Skofic.

Ma Piazzolla, come aveva ampiamente già dichiarato in altre interviste pubbliche, non ha intenzione di approfittare personalmente dei soldi donati dalla donna. Ecco le sue dichiarazioni in merito e come userà i soldi:

Questi soldi confluiranno in un fondo, un trust. Gina ha designato una persona che tutti conoscono, che è Orazio Pagàni, una persona capacissima, sensibile, una persona onesta.

Continuerò a imparare da qualcuno, senza di lui non saprei da dove iniziare. Sono grato a Gina per questo ruolo. La promessa che le faccio è che non la tradirò mai.

La metà che ha lasciato a me desidero che sia messa a disposizione per i suoi desideri, quindi far conoscere l’arte. La mia parte sarà totalmente messa all’interno del trust che si occupa di queste cose.

L’eredità del figlio: spunta un testimone

Per quanto riguarda, invece, la metà toccata al figlio di Gina Lollobrigida, l’assistente Piazzolla è stato molto duro. L’uomo ha rivelato che non era nei desideri dell’attrice lasciare dei soldi in eredità al figlio e decide di fargli un appello:

Andrea Piazzolla è si è reso protagonista di una nuova intervista a “La vita in diretta” dove ha voluto chiarire una volta per tutte la sua posizione riguardo l’eredità della compianta Gina Lollobrigida. Il notaio Barbara Franceschini ha effettuato la mattina del 24 gennaio l’apertura del testamento dove è stato possibile vedere la spartizione del patrimonio dell’attrice: una metà è andata al suo storico assistente, mentre l’altra metà è stata assegnata al figlio Andrea Milko Skofic.

L’ex factotum ha rivelato che “non prenderà neanche un centesimo” della fortuna lasciatagli dalla “Bersagliera”. Piazzolla, infatti, ha dichiarato l’intenzione di usare quei soldi per realizzare i desideri della diva scomparsa:

Lei desiderava non lasciare nulla al figlio, la sua volontà è nota. Mi rivolgo al figlio, gli chiedo di rispettare la volontà della madre e di mettere anche la sua metà per onorare quello che ha fatto la madre. Glielo chiedo pubblicamente

A confermare la versione di Piazzolla, ci sarebbe anche Francesco Ruggero, il cardiologo che ha assistito Gina Lollobrigida prima della morte:

In più di un’occasione, al termine delle visite, la signora Lollobrigida mi ha detto: mi voglio vendere tutto, mio figlio non deve avere nulla