Chiara Ferragni mette in affitto il suo ufficio di Milano a un prezzo esagerato: ecco la cifra shock

Chiara Ferragni ha messo in affitto il suo ufficio nel centro di Milano: cosa è successo? E perché questa scelta?

Chiara Ferragni sempre peggio: il suo primo negozio, aperto nel centro di Milano diversi anni fa, ad agosto chiuderà i battenti. Nel frattempo, l’imprenditrice digitale mette in affitto il suo ufficio…

Qualche giorno fa è emersa la notizia di un accordo siglato fra Chiara e l’Antitrust: la Ferragni e le sue società dovranno versare 1,2 milioni di euro in favore dell’associazione I bambini delle fate, la stessa a cui era legata la vendita delle Uova di Pasqua a firma della nota influencer di Cremona, prodotte da Dolci Preziosi.

Secondo le parole di Chiara Ferragni, questa non sarebbe una sanzione, ma un “contributo economico volontario”. Ovvero un modo carino per dire “patteggiamento”. Nel frattempo l’ex moglie di Fedez si prepara all’imminente chiusura del suo negozio nel centro di Milano e non solo…

Chiara Ferragni mette in affitto il suo ufficio: perché?

L’indiscrezione è stata diffusa da Gabriele Parpiglia: secondo il giornalista, Chiara Ferragni avrebbe messo in affitto una parte degli ufficio situati in Via Turati, ovviamente a Milano. Si tratta di immobili da 550 mq, con parquet galleggiante e completamente ristrutturati.

Ecco cosa si legge nel post di Parpiglia su Instagram: “Una parte degli uffici di Turati – stiamo parlando di 550 mq, con parquet galleggiante, arredato e cablato, due posti auto compresi nel canone, ristrutturato – è in affitto”.

Il giornalista avrebbe ricevuto la conferma della scelta di Chiara Ferragni dalla persona a cui è stata proposta la locazione. Ma per quale motivo è stata presa questa decisione? 

Secondo molti, alla base di questa mossa ci sarebbe proprio la necessità di far fronte al pagamento del milione di euro stabilito nell’accordo dell’istruttoria, ora chiusa, con l’Antitrust.

Il prezzo

Il prezzo è davvero folle: parliamo di quasi 500mila euro l’anno! Ecco cosa scrive Parpiglia: “Il costo dell’affitto è 495 mila euro annui. Costi che oggi l’azienda Ferragni deve tagliare insieme al resto”.

Sempre il giornalista, nei giorni scorsi, su Instagram scriveva quanto segue: “Quella che vedete nella foto è una stanza di uno degli uffici che stanno chiudendo di Chiara Ferragni Collection ovvero dove c’è chi lavora per le attività legate allo sviluppo del prodotto legate alle società. Alcune stanze sono state date in affitto, altre chiuse”.

E ancora: “E arrivano i primi licenziamenti ‘eccellenti’ come l’allontanamento della direttrice della comunicazione”. Ma che fine faranno le persone licenziate dalle aziende di Chiara Ferragni? Secondo Gabriele Parpiglia sarà difficile trovare un altro impiego dopo lo scandalo che ha coinvolto l’influencer e l’azienda dolciaria Balocco.

Seguici su Instagram