Diaco contro il GF Vip: «La volgarità del programma mi fa ribrezzo»

Pierluigi Diaco, noto conduttore RAI, ha definito il Grande Fratello Vip come volgare e mediocre. Maurizio Costanzo si aggrega.

Pierluigi Diaco è un noto conduttore RAI che ultimamente si è esposto in merito al Grande Fratello Vip. Il programma, arrivato alla sua quarta edizione, è tenuto in piedi da Alfonso Signorini che quest’anno ne sta vedendo di tutti i colori a causa dei suoi gieffini; dalla bestemmia di Barbara Alberti, alle frasi infelici di Clizia Incorvaia e Salvo Veneziano, fino ad arrivare alle dichiarazioni della sua stessa opinionista Wanda Nara. Insomma, che il GF sia un agglomerato di trash è cosa risaputa, ma quest’anno si è davvero superato. Così, Diaco ha espresso il suo parere riguardo a questa televisione definendola “volgare e mediocre”.

Pierluigi Diaco sbotta contro il GF Vip

 

Ecco le parole del conduttore:

Raramente ho visto un programma così volgare come il Grande Fratello Vip, lo trovo volgarissimo. Ho visto qualche frame in queste settimane: la mediocrità, la bassezza, il linguaggio, il cinismo che abitano in quel programma mi fanno ribrezzo.

La sua dichiarazione lascia davvero poco spazio all’interpretazione e appare come un chiaro messaggio alla trash tv a cui siamo ormai fortemente abituati. A fare un simile intervento era stato anche lo stesso Maurizio Costanzo, che in un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo, aveva detto:

Chiudete il GF Vip. Non intrattiene, non rilassa, non fa pensare. E diventa teatro per comportamenti che rischiano di dare un pessimo esempio. Chiudiamo il programma, così risolviamo il problema una volta per tutte.

E poi:

Il Grande Fratello Vip è un programma che riserva spesso uno spettacolo indecente a causa del comportamento di certi personaggi. È il caso di questo tizio, un perfetto sconosciuto che venti anni fa ha goduto di qualche mese di popolarità – senza alcun merito – salvo poi finire nel dimenticatoio. E alla prima occasione che ha avuto per tornare in televisione ha espresso il peggio di sé. Certa televisione di oggi andrebbe censurata: non intrattiene, non rilassa, non fa pensare. Vuole dire che possiamo pure farne a meno.

Chissà se Alfonso Signorini risponderà agli attacchi dei due conduttori.