CoronaVirus: dopo l’inedito, gli U2 donano 10 milioni di euro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’emergenza sanitaria sta unendo i filantropi di tutto il mondo nella battaglia contro il CoronaVirus; a intervenire direttamente sono state tantissime celebrità, come dimostra la raccolta fondi dei Ferragnez. Il mondo della musica non si gira certo dall’altra parte e se Lady Gaga ha collaborato alla realizzazione di un evento musicale virtuale per raccogliere offerte e finanziare la ricerca, dall’Europa arriva un altro grande gesto. La band irlandese U2 ha donato ben 10 milioni di euro per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e attrezzature mediche.

Gli U2 donano 10 milioni di euro

Non è un caso che a schierarsi in prima linea contro il CoronaVirus ci siano proprio gli U2; la band capitanata da Bono Vox è stata spesso protagonista di battaglie sociali e gesti di solidarietà nei confronti delle minoranze in tutto il mondo. Dopo lo spargersi a macchia d’olio del virus che sta mettendo in ginocchio il nostro Paese, il frontman del gruppo ha dedicato proprio all’Italia una canzone dal titolo Let Your Love Be Known, ispirandosi ai medici in prima linea nelle corsie dei nostri ospedali. Ecco le sue parole:

Per gli italiani che l’hanno ispirata… per gli Irlandesi… per chiunque è in difficoltà e continua a cantare. Per medici, infermieri, operatori in prima linea.

Grazie alla donazione della band, parte delle attrezzature mediche è già arrivata all’aeroporto di Dublino. Il Primo Ministro irlandese – Leo Varadkar – ha elogiato il grande gesto di Bono e soci:

Il governo ha ordinato quella che in tempi normali sarebbe stata una fornitura di DPI per 13 anni. Anche così, ogni assistenza da parte del settore privato e del pubblico in generale è benvenuta.

Un’altra dimostrazione di solidarietà e vicinanza che rimarrà nella storia. 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv