Fedez denunciato: il Codacons chiede danni per associazione a delinquere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fedez è stato denunciato dall'Associazione Codacons a seguito di alcuni tweet inviati all'inizio del lockdown.

Lo scontro fra Fedez e il Codacons ce lo ricordiamo tutti; erano passate solo poche settimane di lockdown e non è stato di certo poco il polverone mediatico attorno alla vicenda. Il noto rapper milanese ha accusato l’Associazione di appropriarsi indebitamente dei soldi donati dagli utenti a favore della ricerca contro il Covid19. La risposta del Presidente non si è fatta attendere, ma a pochi mesi dall’accaduto arriva anche la denuncia. Sul provvedimento sono richiesti danni per calunnia, diffamazione, violenza, associazione a delinquere, minacce plurime e induzione a commettere reati.

Fedez denunciato per calunnie

È stato proprio il rapper a spronare ironicamente il Codacons ai tempi dell’accaduto; il marito di Chiara Ferragni aveva dichiarato di non esser spaventato, ma anzi di avere qualche soldo da parte per andare in causa e pagare gli avvocati. L’Associazione Codacons si è appellata ai tweet di Fedez di un paio di mesi fa.

Il comunicato stampa

AdnKronos ha riportato il comunicato stampa ai danni del rapper:

Fedez ha scatenato i followers contro il Codacons garantendo loro la totale immunità affermando testualmente che internet non è “un mezzo diffamatorio” e che, pertanto, “si può dire il cazzo che si vuole”, tesi del tutto smentita dalle sentenze della Cassazione. L’artista accusava anche l’associazione di aver avviato una raccolta fondi in favore degli ospedali italiani e di aver distratto le donazioni per finanziare se stessa, tesi ridicola e smentita dalle informazioni contenute nella pagina in questione del sito Codacons, in cui si dichiarava in modo trasparente che le donazioni servivano a finanziare l’attività legale dell’associazione in tema di CoronaVirus.

Fedez, tuttavia, non ha tardato a dire la sua:

Nella vita non ci ho capito proprio un cazzo. Per cercare di dare una mano, senza avere niente in cambio, senza pretendere nulla, cosa ci ho guadagnato? 5 anni che perderò in tribunale intasando i pubblici uffici perché un’associazione che addirittura faceva una raccolta fondi spacciata per aiuto al CoronaVirus, che poi i soldi finivano a loro, ha deciso che non sono al livello della loro moralità. Mi viene da ridere…

Come finirà?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1992, grazie ai pomeriggi passati insieme alla nonna a guardare i talk show degli anni Novanta, si è appassionata al gossip e alla tv