Garko gay, «Soldi sporchi guadagnati con le bugie»: il duro attacco

Gabriel Garko è gay, ma ha guadagnato soldi grazie alle sue bugie? Ecco il durissimo attacco all'attacco da parte di una giornalista.

Non si placa il fenomeno Garko gay, specie dopo l’intervista dell’attore a Verissimo. In studio, di fronte a Silvia Toffanin, Gabriel si è detto molto infastidito da chi lo attacca per il fatto di essere pagato per le sue ospitate in tv: l’attore ha chiarito che lui riceve un compenso come qualsiasi altro vip che rilascia un’intervista. Non è in vendita il suo coming out, ha sottolineato, bensì la sua presenza in una trasmissione. Tuttavia, c’è chi è in disaccordo con lui.

Leggi anche: Gabriel Garko: la verità sulla storia con l’ex Gabriele Rossi

Gabriel Garko: il duro attacco di Francesca Barra

Francesca Barra, nota giornalista e moglie dell’attore Claudio Santamaria, ha scritto un post “di pancia”, come l’ha definito lei. Ecco cosa ha detto a proposito della vicenda di Gabriel Garko, che in questi giorni ha fatto parlare di sé dopo aver rivelato all’Italia intera di essere gay e di aver sempre finto le sue relazioni sentimentali:

A proposito di finzione, visto che ero in studio da Chiambretti quando lui e Adua hanno messo in scena un teatrino sul matrimonio, vorrei dire che siccome c’è chi guadagna sul prendere in giro il pubblico (non lo fa sotto ricatto o con un coltello alla gola o lavorando in miniera), sarebbe interessante chiedere scusa per quei soldi sporchi perché macchiati di bugie alle spalle dei fan e di chi crede in loro e in storie d’amore. Non per quelli che prende oggi, nei luoghi e programmi dove finalmente racconta la verità e fa il suo lavoro: ovvero uomo di spettacolo.

Leggi anche: Gabriel Garko e Eva Grimaldi: «L’avrei sposata ma senza sesso»

Il dietrofront di Francesca Barra: il giudizio su Garko

Subito dopo, però, la Barra ha fatto un passo indietro, ha cancellato il precedente post e ha spiegato il motivo della sua impulsività nell’attaccare Gabriel Garko. Ecco cosa ha detto:

Ho cancellato il mio post di “pancia”, perché non è da me infierire. Ho detto tutto ciò che penso sulla confessione di Garko e mi sento a disagio. È vero: mi infastidisce quando si guadagna prendendo in giro il pubblico e quando si continua a raccontare una mezza verità denunciando un sistema solo per promuovere o giustificare se stessi e non per mutare davvero le cose. Non aiuta chi combatte le battaglie contro la discriminazione e non mette in guardia fino in fondo. Ma difronte ad un uomo che soffre, che piange, che probabilmente si è pentito di tutto, proprio io non posso alimentare commenti o offese di odiatori. Spero che il valore della libertà possa continuare a prevalere sulla menzogna e sui ricatti. Ecco, ora mi sento più in pace e allineata con la mia natura.

Cosa risponderà Garko all’attacco della giornalista?