Gf VIP, Paolo Brosio sotto accusa: «I tamponi sono inattendibili» (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Grande Fratello VIP: forti critiche e accuse nei confronti di Paolo Brosio per le sue dichiarazioni sul tema Covid e tamponi (VIDEO)

A poche ore dal suo ingresso al Gf VIP, Paolo Brosio è riuscito a garantirsi gli attacchi e le critiche del pubblico per le sue affermazioni di stampo negazionista sulla tematica Covid. Scopriamo insieme cosa è successo, precisando che le dichiarazioni riportate sono gravissime e DonnaPOP prende fortemente le distanze da ogni parola di Brosio.

Leggi anche: Gf Vip: Chi è Ania, la fidanzata di Brosio? Età, Instagram, foto

Paolo Brosio e le illazioni sul Covid

Paolo Brosio è diventato ufficialmente un concorrente del Gf VIP nella puntata del 30 ottobre. Il suo ingresso era previsto il mese scorso ma era stato sospeso a causa della positività al covid che lo ha costretto per diverse settimane in ospedale.

Nonostante l’esperienza terribile vissuta da Paolo Brosio, il giornalista una volta entrato in casa ha lasciato sbigottiti coinquilini e telespettatori con le sue dichiarazioni sul Covid:

Sono stato 29 giorni perché non mi venivano due tamponi negativi, adesso ce ne vuole solo uno, quindi vuol dire che questa storia dei tamponi… c’è qualcosa che non va, non è attendibile!

Non contento, poco dopo, Brosio ha continuato ad insistere sulla questione Covid con delle dichiarazioni di stampo negazionista:

Voglio dire che tante patologie… Si magari aveva il Covid, ma magari non sarebbe stato letale se non avesse avuto anche un tumore in fase terminale. Allora scusa, tutti i morti che ci sono stati prima del Covid improvvisamente spariscono e si muore solo di Covid?

DonnaPOP ci tiene a prendere le distanza dalle affermazioni di Paolo Brosio al Gf VIP. CI auguriamo che la redazione del programma e gli autori esortino il concorrente a non trattare più l’argomento. Messaggi come quelli lanciati da Brosio possono danneggiare il già compromesso sistema di informazione.

Di Covid si muore e precauzioni, tamponi e buoni medici sono le uniche armi che abbiamo.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Figlia degli anni Novanta, cresciuta negli anni Zero. Risultato? Un ibrido, a tre schermi e più tastiere, ma con le radici di carta. Appassionata di Gossip, Moda e Spettacolo.