michele merlo maria de filippi chi è amici morto

Michele Merlo: Maria De Filippi dopo la morte del cantante di Amici (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo l’annuncio straziante della morte di Michele Merlo, la conduttrice Maria De Filippi e la redazione del talent hanno ricordato il cantante sul profilo ufficiale di Amici. 

Leggi anche: Michele Merlo com è morto? La malattia e la rabbia del padre: poteva salvarsi?

Michele Merlo è morto: cosa è successo al cantante di Amici?

l cantautore di Amici 2021 Michele Merlo è morto. Ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Maggiore di Bologna, dopo un intervento chirurgico d’urgenza, non ce l’ha fatta. Dopo essere stato colpito, nella notte tra giovedì 3 e venerdì 4 giugno, da un’emorragia celebrale causata da una leucemia fulminante, la sua situazione era stata definitiva sin da subito ”gravissima”.

Tutti i dettagli cliccando QUI.

Michele Merlo morto come sta emorragia celebrale

Foto: @michelemerlo [IG]

La lettera di Maria De Filippi

Sul profilo Instagram di Amici, Maria De Filippi e la redazione hanno condiviso una lettera e un video dedicati al cantate Michele Merlo:

Profondo, malinconico nello sguardo e solare nel sorriso. Così ci sei apparso dal primo momento in cui ti abbiamo visto. E così sei rimasto fino all’ultimo giorno che hai trascorso in casetta. La tua era una malinconia speciale, che lottava ogni secondo con quel sorriso che diceva l’esatto contrario. A volte prevaleva una cosa, a volte l’opposto. Tu eri entrambe le cose. E quando cantavi, quando eri al centro del palco a fare quello che ti piaceva di più al mondo, il tuo modo di essere prendeva il sopravvento e ti faceva mostrare al mondo senza filtri, senza paure

Eri Mike Bird e stavi cantando. Eri nel tuo elemento naturale, la valvola di sfogo per i tuoi pensieri profondi che ti esplodevano in petto e che avevi tanta voglia di condividere con il mondo. Eri un ragazzo speciale e lo avevamo capito tutti. Avevi un’intensità unica, una capacità di guardarti dentro fin troppo spiccata che a volte ti faceva arrovellare attorno agli umori e alle sensazioni.

Baudelaire diceva che “la sensibilità di ognuno è il suo genio”, la tua era tanta, Mike. Ed è quella sensibilità, quella profondità d’animo e di pensiero, quella capacità di scavare negli abissi dell’animo umano che ci porteremo dentro per sempre.
Fa’ buon viaggio.

Restate aggiornati con DonnaPOP per scoprire in anteprima tutte i dettagli in merito.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Figlia degli anni Novanta, cresciuta negli anni Zero. Risultato? Un ibrido, a tre schermi e più tastiere, ma con le radici di carta. Appassionata di Gossip, Moda e Spettacolo.